FOCUS - Lazio - Cagliari, occhio al recupero: nel bene e nel male spesso è decisivo

Pubblicato il 21 dicembre 2018 alle ore 20:30
22.12.2018 07:25 di Alessandro Vittori Twitter:    Vedi letture
Fonte: Alessandro Vittori - Lalaziosiamonoi.it
FOCUS - Lazio - Cagliari, occhio al recupero: nel bene e nel male spesso è decisivo

Renato Cesarini ha prestato il suo nome per un pezzetto di partita e, come dice Alessandro Baricco, questo è segno evidente che nella vita qualcosa si è fatto. Questo qualcosa è ciò che di più importante ci sia nel calcio, il gol, ma non durante il tempo regolamentare, oltre. La famosa zona Cesarini è nata così, una manciata di minuti spesso fondamentali per l’esito del match in cui si sono decisi campionati o addirittura Champions League. In Lazio-Cagliari magari la posta in palio non sarà così alta, ma nel recupero l’attenzione dovrà essere massima. Nelle ultime due giornate sia i biancocelesti che i rossoblù hanno visto le loro partite regalare il colpo di scena proprio in extremis e ciò non ha rappresentato una novità nella stagione in corso.

LAZIO - La beffa è ancora fresca. Cross di Luis Alberto, Acerbi stacca in anticipo su Masiello e batte Berisha. Gioia irrefrenabile per il difensore, capace di riprendere l’Atalanta al 92’ e di far scattare dalla panchina Inzaghi per un abbraccio collettivo. Con il passare dei secondi però il sorriso si trasforma in rabbia, il Var annulla per un fuorigioco di millimetri. Sono passati 9 soli giorni dal recupero di Lazio-Sampdoria, qualcosa di ancora più clamoroso. In fondo a una partita di rincorsa al 96’ Immobile trasforma il rigore del 2-1 concesso grazie alla Var, ma Saponara di tacco al 99’ gela l’Olimpico. Tornando indietro nel tempo i biancocelesti avevano sorriso due volte con Correa al 94’: il gol della sicurezza a Parma dopo il vantaggio di Immobile all’81’ e l’1-1 in casa con il Milan. Alla prima giornata invece fu Milik a pareggiare in Lazio-Napoli, nel secondo minuto di recupero del primo tempo.

CAGLIARI - Sau che bette Olsen al 95’ nonostante la doppia inferiorità numerica è una scena che ha soddisfatto anche i tifosi biancocelesti. Il Cagliari strappa un punto alla Roma che ne perde 2 nella corsa alla Champions. Soltanto 8 giorni dopo però i sardi restituiscono al Napoli la gioia del gol nel recupero, Cragno non può nulla sulla punizione di Milik. Delusione per la Sardegna Arena, così come con il Sassuolo quando Boateng realizza il 2-2 al 99’ (stesso minuto di Saponara). In Cagliri-Sampdoria invece ci pensa Cragno a ipnotizzare Kownacki dal dischetto al 91’ e a difendere lo 0-0.