Lazio, Fuser: “Ai biancocelesti ho dato l'anima, mi è dispiaciuto andar via”

Pubblicato il 10 maggio 2019 alle ore 17:52
11.05.2019 07:00 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Francesco Mattogno - Lalaziosiamonoi.it
Lazio, Fuser: “Ai biancocelesti ho dato l'anima, mi è dispiaciuto andar via”

Sei stagioni alla Lazio per 242 presenze e 42 gol. Diego Fuser è stato il colui che ha alzato al cielo la seconda Coppa Italia della storia biancoceleste nel '98, da capitano e senatore di una squadra agli albori di un grande ciclo. Un ciclo di cui però lui non ha fatto parte, venendo acquistato dal Parma proprio in quell'estate. Fuser, è tornato a parlare di Lazio ai microfoni de “Il Posticipo”. Ecco le sue parole: “Devo dire che mi è dispiaciuto andarmene dalla Lazio. Quando sono arrivato io, biancocelesti erano una squadra completamene rifondata, ricca di giovani. Con l’arrivo di Sergio Cragnotti è nata una nuova Lazio. Effettivamente sono partito nel momento più bello, ma ci ho sempre messo l'anima. Sono andato via da Roma perché non si respirava più una buona aria. Inoltre il Parma mi cercava da un po’ di anni, ha avanzato una proposta allettante e la Lazio non ha fatto niente per trattenermi. Avevo 29 anni: forse la dirigenza ha pensato che magari a una certa età i giocatori iniziano a mollare fisicamente. Invece in Emilia ho passato 3 anni bellissimi. Quel Parma era una grandissima squadra, posso dire che dopo la Lazio mi è andata bene e ho vinto anche di più”.

LAZIO, LE PAROLE DI INZAGHI IN CONFERENZA STAMPA

LAZIO, LE ULTIME DA FORMELLO: GIOCA PROTO

TORNA ALLA HOMEPAGE