Raffaele Sergio: "Sarri sta facendo bene, spero nell'arrivo di Mertens"

23.06.2022 11:50 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Antonio Pilato - Lalaziosiamonoi.it
Raffaele Sergio: "Sarri sta facendo bene, spero nell'arrivo di Mertens"
TUTTOmercatoWEB.com

L'ex difensore della Lazio Raffaele Sergio è intervenuto a Lazio Style Radio per fare il punto sulla Lazio in vista della prossima stagione. Spazio anche a delle considerazioni su quanto fatto finora da Sarri, sul calciomercato biancoceleste e sul campionato italiano.

MARCOS ANTONIO - "È un giovane che ha qualità ed esperienza visto che ha giocato in Champions League. Credo sia un acquisto mirato visto che alla Lazio serviva un giocatore con le sue qualità".

PRIMO ANNO DI SARRI"Annata positiva se si considera che bisognava aprire un nuovo ciclo. Si partiva con un nuovo allenatore che ha apportato un gioco completamento differente. Soprattutto nella seconda parte, la squadra è migliorata tantissimo trovando un suo equilibrio tattico. Adesso bisogna mettere le basi per costruire qualcosa di importante. È difficile per dei calciatori cambiare allenatore dopo cinque anni sia a livello tecnico sia umano. Per questo la Lazio ha avuto delle difficoltà nella prima fase della stagione. Però con il lavoro quotidiano Sarri ha imparato a conoscere i giocatori e a sopperire alle difficoltà. È stato un anno di transizione molto positivo".

CALCIOMERCATO - "Ci sarà più influenza di Sarri sul mercato. È stato centrato un obiettivo importante come l’Europa League. Adesso bisogna prendere i profili adatti al gioco del tecnico. Mi piacerebbe Mertens, spero che la Lazio riesca a fare un sacrificio per prenderlo visto lo spessore tecnico e caratteriale. In difesa servono 2-3 elementi visti i tanti impegni stagionali e i calciatori che sono andati via. D'altronde la difesa è stato il tallone d’Achille della squadra".

CAMPIONATO ITALIANO - "Lo scudetto del Milan è frutto della competenza di Maldini, Massara e Pioli. Sono felice perché mi fa piacere che il lavoro e la programmazione di personaggi così importanti vengano premiati. C’è solo da complimentarsi e fare gli applausi. Il campionato italiano è indubbiamente calato da un punto di vista tecnico. Bisogna lavorare per riemergere. C’è un maggiore equilibrio che però tende verso il basso".