Lazio, in estate sarà rivoluzione: tra over 30 e situazioni in bilico c'è un'intera squadra da rifondare

23.02.2019 09:45 di Tommaso Guernacci Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Lazio, in estate sarà rivoluzione: tra over 30 e situazioni in bilico c'è un'intera squadra da rifondare

A prescindere da tutto. Non ci sarà piazzamento Champions che tenga: in estate in casa Lazio sarà vera e propria rivoluzione. Escludendo per  adesso la questione legata alla guida tecnica - mister Inzaghi potrebbe non essere riconfermato qualora non dovesse centrare alcun obiettivo prefissato -, la vera rifondazione riguarderà l'organico. Troppi gli over 30 presenti in rosa, e molti di loro rappresentano anche la spina dorsale della squadra: vedasi Parolo (34 anni), Radu (32 anni), Lulic (33 anni), Leiva (32 anni). Come riportato dall'odierna rassegna stampa di Radiosei, l'obiettivo appare chiaro sin da subito: ringiovanire la rosa con giocatori di livello, in modo da permettere ai titolarissimi degli ultimi anni di non dover per forza giocare ogni tre giorni. Anzi, garantendo così delle valide alternative in panchina. 

DUBBI E PERPLESSITÀ - Dopo aver resistito l'estate scorsa agli assalti per Milinkoivc-Savic e Luis Aberto, nel prossimo mercato estivo entrambi potrebbero non restare, soprattutto se non dovesse essere raggiunto un piazzamento in Champions League. Tanti i soldi rifiutati, specialmente per il serbo. Soldi che potrebbero essere reinvestiti per costruire una squadra di livello. Lo spagnolo invece non hai mai nascosto la sua volontà un giorno di tornare a Siviglia. Si vedrà. I rebus maggiori sono legati a Badelj e Berisha. Il croato già durante la sessione invernale di calciomercato aveva manifestato la voglia di cambiare aria, sentitosi messo da parte. Nelle ultime gare sembrerebbe aver invertito la rotta (anche a causa dei tanti infortuni), con mister Inzaghi che lo sta impiegando maggiormente. Il suo futuro alla Lazio però resta in bilico. Così come in bilico è anche la situazione legata a Berisha. Ancora fuori forma e praticamente quasi più in infermeria che in campo, l'ex Salisburgo ha rappresentato comunque un investimento importante. La Lazio ci punta. Va aspettato però. Diverso invece il discorso per Cataldi: con il contratto in scadenza nel 2020, l'ex Primavera o rinnova oppure verrà ceduto. Da valutare anche il riscatto a fine stagione di Romulo. 

LE CERTEZZE - Chiamateli pure punti fermi. Correa, Immobile, Acerbi, Luiz Felipe e Lucas Leiva rappresentano le certezze sicure da cui ripartire. Senza dimenticare i talenti del futuro - sui quali il ds Tare crede molto - Pedro Neto (verrà riscattato a giugno) e André Anderson, che rientrerà dalla Salernitana. Per una Lazio pronta alla rivoluzione.