Lazio, Inzaghi: "Sarà un campionato equilibrato. Covid? Il calcio non si deve fermare!" - VIDEO

11.10.2020 07:20 di Daniele Rocca Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it / Foto e Video: Samuel Tafesse
Lazio, Inzaghi: "Sarà un campionato equilibrato. Covid? Il calcio non si deve fermare!" - VIDEO

A margine del Festival dello Sport, che si sta svolgendo al "Piccolo Teatro" di Milano, Simone Inzaghi ha risposto alle domande dei cronisti presenti in conferenza stampa. Di seguito il resoconto completo:

CLICCA QUI PER IL VIDEO

Cosa manca a Immobile per essere forte come tuo fratello Pippo?

“Immobile sta facendo benissimo, come fece anche mio fratello ai tempi. Ciro ha vinto la Scarpa d’Oro, mio fratello ha segnato due gol nella finale di Champons, penso che possa farcela. Sono due grandissimi attaccanti. Ha fatto e sta facendo una grandissima carriera e spero che possa continuare a regalare tantissime gioie alla Lazio e alla Nazionale”.

Come state vivendo le positività da Covid? Siete preoccupati?

“Sapevamo che con l’avvicinarsi dell’autunno il problema sarebbe riemerso. Adesso siamo più pronti rispetto a marzo e aprile. Normale che bisogni prendere delle precauzioni e vivere con grande intelligenza”.

Timore dell’interruzione del campionato?

“Penso che ci siano delle regole da rispettare, sono chiare per tutti. Bisogna continuare sapendo che dovremo convivere con questa problematica. Finché non ci sarà il vaccino ci dovremo convivere. Ma non per questo si può fermare il calcio, non si può fermare l’Italia. Bisogna andare avanti”.

Sarà un campionato più combattuto dell’anno scorso?

“Penso che sia livellato verso l’alto, indipendentemente dalle prime quattro che sono arrivate in Champions, poi ci sono le tre subito dietro. Sappiamo che le squadre medie si sono migliorate tutte: mi viene in mente la Fiorentina e il Sassuolo, che hanno fatto grandissimi progressi. Sarà difficile per tutti, sarà un campionato aperto. Chi arriverà meglio in primavera e avrà tutti i calciatori a disposizione, perché quello è fondamentale, avranno più chance di chi avrà tanti giocatori fuori tra febbraio e marzo”.

Rinvio delle nazionali e bolla stile Nba?

“Purché non si fermi il campionato, io sono d’accordissimo per la bolla. So che ci potrebbero essere dei problemi, visto che tutti abbiamo delle famiglie, però l’importante è che non si fermi ancora tutto. Penso che ci siano dei protocolli chiari, che da sette mesi stiamo rispettando facendo dei sacrifici, perché stiamo facendo tamponi ogni due o tre giorni più i test sierologici. E per quanto riguarda le nazionali, se è ripartito il calcio è giusto che riparta a tutti i livelli.”

Scritto il 10/10/2020 alle 22:52