Roma, Diabolik morto in un agguato: la prima ricostruzione

L'esponente di spicco della Curva Nord si trovava in zona Appia quando è stato vittima di un agguato: sono in corso le indagini della polizia.
08.08.2019 06:50 di Daniele Rocca Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Roma, Diabolik morto in un agguato: la prima ricostruzione

AGGIORNAMENTO ORE 21 - Iniziano ad emergere le prime ricostruzioni della vicenda: l'omicidio di Fabrizio Piscitelli si è consumato alle 18.50. A dare l'allarme sarebbe stato un passante. A quanto pare Diabolik doveva incontrare una persona, quando all'improvviso è stato raggiunto da un colpo di pistola sparato alle spalle e da distanza ravvicinata. Il killer sarebbe stato travestito da corridore.  Oltre alla polizia, giunta sul posto in pochi minuti, a indagare sulla vicenda saranno i magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia. Il procuratore facente funzioni, Michele Prestipino, ha aperto un fascicolo di indagine, al momento a carico di ignoti.

Un agguato in piena regola. È costato la vita a Fabrizio Piscitelli (53 anni), conosciuto come Diabolik nell'ambiente Lazio, che si trovava in via Lemonia, nei pressi di via Appia. Fatale per il capo ultras della Curva Nord un colpo di pistola esploso alla testa. Sul posto la polizia per i rilevamenti del caso: dalle prime ricostruzioni si tratterebbe di un regolamento di conti.

(Pubblicato il 7 agosto alle 19.36)