Harakiri Lazio, black out e ko in fotocopia: le tappe di un girone maledetto

La Lazio viene sconfitta dal Celtic all'Olimpico. Dando un'occhiata al cammino europeo della squadra fin qui, la disfatta non deve lasciare sorpresi.
09.11.2019 07:05 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Giorgia Mattei
© foto di www.imagephotoagency.it
Harakiri Lazio, black out e ko in fotocopia: le tappe di un girone maledetto

Uno schiaffo in faccia. Inaspettata ma dolorosa la sconfitta della Lazio contro il Celtic all’Olimpico. Quando le cose si erano messe bene in campionato, si pensava di poter risalire la china anche in Europa, strappando il pass per il prossimo step della competizione. Mai pensiero fu più sbagliato. I biancocelesti si fanno rimontare, nuovamente, dagli uomini di Lennon, che confermano la propria leadership ed ottengono la qualificazione con due giornate d’anticipo. La squadra brillante ammirata a San Siro lascia spazio ad una formazione sprecona, a tratti superficiale, condannata dal clamoroso errore di Berisha. Dando un’occhiata al cammino della Lazio fin qui, però, quanto visto all’Olimpico non deve lasciare sorpresi. Tre ko in quattro giornate che seguono sempre lo stesso copione: vantaggio iniziale, occasioni sprecate, rimonta e beffa finale.

CLUJ E RENNES - Il percorso europeo dell’armata di Inzaghi è iniziato il 19 settembre scorso contro il Cluj al Constantin Radulescu. Il gol di Bastos illude i capitolini che incassano prima la rete su rigore di Deac, per poi cadere nella ripresa per mano di Omrani. Fatale, ancora una volta dopo il passo falso compiuto a Ferrara, la ripresa, caratterizzata da un vero crollo fisico e caratteriale dell’intero gruppo. Il primo successo della Lazio in Europa arriva contro il Rennes, ma i punti sono tutt’altro che semplici da ottenere. L’ingresso di Luis Alberto e Milinkovic cambia la gara e, trascinati dai propri big, i biancocelesti si riscattano dopo il cocente ko in Romania. Si torna a Formello con il bottino pieno, i primi tre punti che rimarranno i soli conquistati dalla squadra dopo quattro giornate.

CELTIC - Dopo la vittoria due bocconi amari, entrambi contro il Celtic. In Scozia si assiste ad una Lazio brillante ma, si sa, nel calcio sono i risultati che contano. Un ko pesante, bissato due settimane dopo. All’Olimpico si assiste a quella che alla fine sarà una vera disfatta. I capitolini, capaci di concretizzare solo in minima parte le occasioni create, vanno in vantaggio con Immobile, salvo poi farsi raggiungere dagli avversari, e superare al 95’. Una sconfitta che pregiudica quasi irrimediabilmente il cammino della squadra di Inzaghi in Europa, alla quale non resta che sperare nel miracolo per qualificarsi al prossimo step. Una sconfitta che fa ancor più male perché, dopo la bella Lazio delle ultime giornate, nessuno avrebbe messo in preventivo un passo falso di questo tipo. Inaspettato ma doloroso come uno  schiaffo in faccia, il terzo in quattro partite. Decisamente troppi. 

Lazio - Celtic, Zenga: "L'errore di Berisha nemmeno negli allievi regionali..."

FORMELLO - Lazio, la ripresa alle 11: Inzaghi aspetta Correa

TORNA ALLA HOMEPAGE

Pubblicato l'8/11 alle ore 11:00