PAGELLE di Borussia Dortmund-Lazio: Ciro è sempre grande, la difesa tiene

03.12.2020 07:12 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Insidefoto/Image Sport
PAGELLE di Borussia Dortmund-Lazio: Ciro è sempre grande, la difesa tiene

REINA 6.5: L'azione del vantaggio tedesco nasce da un rinvio col sinistro su cui Immobile non arriva. Non che abbia colpe particolari: in ordine respinge la botta da fuori di Hazard, incrocia le dita sul tap-in di Reus, Guerreiro è freddo e lo buca sull’uscita. Poi è reattivo sul diagonale di Reyna nella ripresa.

PATRIC 7: Posizionato bene sul cross di Morey in apertura, spazza il pericolo a pochi passi dalla porta di Reina. Non riesce a chiudere sull’imbucata anche perché disturbato da un avversario. Gara positiva e propositiva, ripaga la scelta di Inzaghi che lo preferisce a Luiz Felipe.

HOEDT 7: Chiude sulla destra puntualmente, purtroppo per quella diagonale precisa non si trova al centro della linea a tre quando Guerreiro scambia con Hazard per il gol dell’1-0. Una sola leggerezza nella ripresa quando perde palla in uscita, per il resto è tosto e coraggioso.

ACERBI 7: Più in apprensione del solito, scivola pericolosamente in area, viene messo in mezzo da Hazard e dall’inserimento di Guerreiro. Non intercetta il passaggio geniale (e di prima) del trequartista. Quando gioca sul centrosinistra è comunque un fattore costante: spinge come un

MARUSIC 6,5: Scelto per la fisicità, la usa tutta per mettere il corpo davanti a Bellingham e stoppare la sua corsa con la Lazio che si era fatta trovare scoperta. Prima a destra, poi a sinistra all’ingresso di Lazzari. Poche cose evidente, tante intelligenti, come il tocco per Milinkovic che provoca il penalty.

MILINKOVIC 7: Si guadagna il rigore del pareggio in modo intelligente e cancella d’un colpo la prima ora deludente, in cui non era riuscito a caricarsi la squadre sulle spalle. Anticipa Schulz e viene steso, è l’episodio che rinvigorisce le speranze della Lazio.

Dal 79’ ESCALANTE sv: Quando entra la Lazio è proiettata tutta in avanti, non deve neanche faticare.

LEIVA 6: Ha la colpa di non riuscire a interrompere l’azione del gol subìto, avrebbe potuto ricorrere al fallo tattico vista la superiorità tedesca nell’occasione. Fatica nel ripiegare all’indietro, il solito maestro quando c’è da pressare in avanti.

Dal 69’ AKPA AKPRO 6: Prima da mediano davanti alla difesa, poi da mezzala con l'ingresso di Escalante. Dà il giusto dinamismo al centrocampo, quell'equilibrio che rischiava di perdere con l'uscita di Leiva.

LUIS ALBERTO 6,5: Alterna la gestione perfetta del pallone a qualche passaggio fuori misura. Il Borussia si chiude bene, non riesce a sorprendere la difesa avversaria, comunque sempre fondamentale per la manovra e i successi della squadra.

Dal 79’ CAICEDO 6: Inzaghi non si vuole snaturare e con coraggio manda dentro il Panterone. Più di qualche semplice sponda, riesce a mettere in apprensione la difesa del Borussia. La solita garanzia da giocarsi nella ripresa.

FARES 6: Un passo avanti, pure due, rispetto alla prestazione di domenica con l’Udinese. Purtroppo si alza anche il livello dell’avversario. Segue alla lettera il piano di Inzaghi: accentra la propria posizione per lasciare spazio alle sovrapposizioni di Acerbi. Partecipa all’azione più bella del primo tempo con un cross intelligente all’indietro per Correa.

Dal 69’ LAZZARI 6.5: Il cambio di passo che Inzaghi cercava a partita in corso. Con il suo ingresso la Lazio ha iniziato a spingere anche sulla fascia destra: è da un suo cross che Immobile sfiora il gol con un destro al volo che avrebbe regalato la vittoria ai biancocelesti.

CORREA 6: Intraprendente, un paio di volte non arriva alla stoccata per un soffio. Burki gli mura il mancino, poi premia Milinkovic che purtroppo sceglie l’opzione Acerbi (in fuorigioco). In Champions finora aveva dato il meglio di sé, stasera inizia bene ma si spegne un po’ col passare dei minuti.

Dal 69’ PEREIRA 6.5: Entra con personalità, andando a puntare l'uomo e cercando sempre la giocata decisiva. Sfiora il gol capolavoro su punizione, ma Burki è reattivo e smanaccia in angolo. Sarebbe stato un gioiello in una serata che per lui è comunque molto positiva.

IMMOBILE 7,5: Non gli è proprio andata giù, l’esperienza al Borussia. Terzo gol ai tedeschi nel doppio confronto, quattro reti in tre gare di Champions, cosa volere di più? Viaggia al ritmo di un timbro a partita, è tambureggiante. È semplicemente la Scarpa d’Oro. Segna sempre, anche quando non gioca la migliore delle sue gare. Se avesse fatto il gol con la conclusione al volo sarebbe crollato lo stadio, anche da vuoto.

ALL. INZAGHI 6.5: La sua Lazio in Champions è ancora imbattuta. Nel secondo tempo c'è stata la reazione che si aspettava. E ai punti avrebbe meritato anche qualcosa in più. Ora manca solo l'ultimo gradino per prendersi la qualificazione agli ottavi. Un risultato che sarebbe storico per il club.

BORUSSIA DORTMUND (3-4-3): Burki 7; Piszczek 6.5, Akanji 6, Hummels 6.5; Morey 6.5, Bellingham 6.5, Delaney 5.5, Guerreiro 7 (Schulz 5); Reyna 6,5, Reus 5.5 (Brandt 5.5), Hazard 6.5 (Sancho 5.5). All.: Favre 6.5.

Pubblicato il 2/12