Buona Lazio a San Siro, ma non basta: vince l'Inter 2-1

10.01.2022 06:55 di Alessandro Vittori Twitter:    vedi letture
Fonte: Alessandro Vittori - Lalaziosiamonoi.it
Buona Lazio a San Siro, ma non basta: vince l'Inter 2-1
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

La Lazio fa un passo in avanti rispetto a giovedì, ma non basta per uscire indenne da San Siro. Vince l'Inter 2-1, capitalizzando al massimo un tiro dalla distanza di Bastoni e un colpo di testa di Skriniar: in mezzo Immobile aveva riportato le cose a posto per i biancocelesti. La squadra di Sarri è stata più compatta ed equilibrata rispetto alla versione contro l'Empoli, inevitabilmente meno spumeggiante e alla fine ha devuto pagare la maggiore fisicità dei nerazzurri nel momento cruciale del match. Non porta al pareggio il forcing finale, che mette anche alle corde gli uomini di Inzaghi, ma non produce occasioni da gol nitide. In classifica la Lazio rimane ferma a quota 32, perdendo 3 lunghezze dal quarto posto dell'Atalanta (41 punti e una partita in meno) e dal quinto della Juventus (38 punti).

CONFEREME DA SARRI - Radu in difesa e Felipe Anderson nel tridente. Sarri conferma la formazione della vigilia e sceglie il senatore al fianco di Luiz Felipe davanti a Strakosha, con Hysaj e Marusic terzini. A centrocampo rientra Basic al posto di Luis Alberto e chiude il terzetto con Milinkovic e Cataldi. In attacco Pipe e Pedro ai lati di Immobile. Anche Inzaghi non stravolge la formazione e sceglie in porta Handanovic, in difesa Skriniar, de Vrij e Bastoni, Dumfries e Perisic come esterni di centrocampo, Barella e Gagliardini ai lati di Brozovic, Sanchez e Lautaro davanti.

IMMOBILE RISPONDE A BASTONI - La prima fiammata è della Lazio con Immobile che cerca Felipe Anderson in area, in anticipo Handanovic. Nella prima parte di gara le due squadre giocano a ritmi elevati, il pressing è molto alto e il tentativo è sempre quello di giocare il pallone. Al quarto d'ora squillo nerazzurro con cross profondo di Barella, Perisic da buona posizione non trova la porta. Al 17' il primo colpo discena: Sanchez pesca Lautaro in profondità, l'argentino batte Strakosha, ma il Var Aureliano segnala la posizione di fuorigioco. Si rimane sullo zero a zero. Al 28' Strakosha dice di no Lautaro, che pescato in area da Dumfries aveva provato a batterlo con un tiro al volo. È solo l'antipasto del gol dell'Inter che arriva al 30', Bastoni con una conclusione dalla distanza batte il portiere biancoceleste che vede in ritardo partire il pallone a causa dei tanti giocatori davanti a lui. La Lazio però reagisce subito e al 35' trova il pareggio immediato: Cataldi pesca Immobile in profondità, Ciro vince il duello fisico con Skriniar, si infila alle spalle di de Vrij, salta Handanovic e deposita in rete. Una manciata di minuti più tardi e i ragazzi di Sarri vanno vicini al vantaggio, negato da una grande parata di Handanovic su tiro-cross di Pedro. Prima dell'intervallo ammonito Luiz Felipe per un'entrata in scivolata su Gagliardini.

DECIDE SKRINIAR - Anche nella ripresa la Lazio prova a sorprendere subito l'Inter, Pedro cerca Immobile in area, il colpo di testa è parato da Handanovic. La grande occasione capita al 53' sul piede di Milinkovic, pescato con una palla perfetta da Felipe Anderson, ma il Sergente non riesce a trovare la porta di sinistro. Dopo il giallo a Basic per tackle affondatro su Sanchez, il cileno ci prova con una punizione dal limite, Strakosha respinge e Radu allontana. Grande occasione nerazzurra al 64': Dumfries si presenta davanti a Strakosha che devia, Luiz Felipe salva su conclusione a botta sicura di Perisic. Dopo 3 minuti arriva ilk nuovo vantaggio dell'Inter con un colpo di testa di Skriniar su cross di Bastoni. Inizia la serie delle sostituzioni, dentro Leiva e Luis Alberto per Cataldi e Basic. Combinazione tra Immobile e Zaccagni, il cross viene schiacciato troppo da Pedro di testa. Sull'azione successiva uno strano traversone di Marusic si spegne sulla traversa esterna. Al 71' un giallo: Radu viene ammonito due volte nella stessa azione, ma poi Pairetto si accorge che il primo fallo era stato commesso da Zaccagni ed estrae il giallo per l'ex Verona e non per Radu. Entrano Dzeko e Correa, escono Sanchez e Lautaro, poi Darmian per Dumfries. Al 78' Immobile batte ancora Handanovic, ma sul tocco di Leiva parte da posizione di fuorigioco. Sarri inserisce Lazzari al posto di Hysaj, Inzaghi Dimarco e Vidal per Perisic e Barella. Bastoni e de Vrij si scontrano in area e solo una grande uscita di Handanovic anticipa Immobile. Vidal becca un giallo dopo aver steso Zaccagni lanciato. Gli ultimi assalti della Lazio non producono opportunità nitide, seppur con affanno vince l'Inter.