RIVIVI LA DIRETTA - Lazio, Sarri: "Umiltà per cancellare il Midtjylland"

06.10.2022 07:30 di Carlo Roscito Twitter:    vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
RIVIVI LA DIRETTA - Lazio, Sarri: "Umiltà per cancellare il Midtjylland"

GRAZ - Vigilia di Sturm Graz-Lazio, dopo il walk around è il momento delle conferenze. Parte Maurizio Sarri, affiancato in sala stampa da Adam Marusic. Segui le parole del tecnico biancoceleste con la diretta scritta de Lalaziosiamonoi.it.

Ha trovato l'antidoto anti-distrazione? Il tecnico dello Sturm Graz ha elogiato la sua squadra, le fa piacere?

"Mi danno soddisfazione le prestazioni dei miei calciatori, quello che si dice fuori mi fa piacere, ma mi interessa poco. La Lazio sta bene, sta giocando bene dall'inizio, ha fallito una partita per un pizzico di superficialità e presunzione. Dopo la vittoria con il Feyenoord abbiamo pensato che forse sarebbe stato facile, in Europa non è così. Qui se non giochi al massimo ne paghi le conseguenze. Non abbiamo giocato al 100%, domani dobbiamo rimediare, dobbiamo venire qui e rimediare con l'umiltà come primo aspetto vista la presunzione dell'ultima gara. La Lazio comunque sta bene, su 10 partite ha fallito solo quella in Danimarca. Le altre, al di là del risultato, le ha tutte giocate".

Quanto è cresciuta la squadra nell'ultimo periodo? Una considerazione sulle condizioni di Romagnoli?

"Decidiamo intanto per domani, poi vediamo per Firenze, ora non ci interessa. Romagnoli viene da una stagione complicata, ha avuto tanti problemi, adduttori, inizio di pubalgia, calo dal punto di vista muscolare, ha fatto un percorso per tornare alle condizioni attuali. Prima non mi sembrava il caso di metterlo a rischio con le lesioni con le tre partite settimanali. Ora mi sembra aver raggiunto un momento ottimo, ma vediamo, decido domani mattina chi far giocare. Poi nei giorni seguenti, a seconda di come sono usciti dal match i ragazzi, scelgo a chi far giocare la gara seguente". 

Dopo la partita con lo Spezia qualcuno ha inserito la Lazio tra quelle che possono vincere lo Scudetto. A che punto è il suo lavoro?

"Siamo all'inizio. Un po' più avanti dell'inizio dal punto di vista tattico, 7-8 ragazzi giocavano con noi l'anno scorsi, 7-8 sono nuovi. Sul percorso della mentalità abbiamo ripreso da zero, stiamo cercando di crescere da questo punto di vista. La cazzata più grossa che possono fare i miei calciatori è quella di sentire e ascoltare queste cose sullo Scudetto, Roma purtroppo è un po' specializzata in questa cosa, parlo dell'esaltazione e poi del ritorno alla polvere. Noi possiamo crescere per poter diventare competitivi, non vincenti. Pensiamo domani sera, sarà tosta, loro hanno tanta intensità. E stop, poi pensiamo alla prossima senza andare dietro a certi discorsi". 

La Lazio può lottare sui tre fronti? 

"In questo momento no, spero lo sia tra qualche mese".

Immobile come sta? Può riposare?

"Non lo so, i primi che pensiamo di far riposare sono quelli che domenica hanno giocato 95 minuti, non quelli che ne hanno fatti 60. Ieri e stamani Ciro in allenamento non mi sembrava aver problemi particolari. Prima valutiamo chi ha fatto l'intera gara, poi prendiamo in considerazione chi ha giocato meno".

Come sta Pedro? 

"Ha fatto un inizio di stagione con difficoltà, ha avuto infortuni non gravi per fortuna,  ma non ha mai trovato continuità, né in partita, né in allenamento. Da qualche giorno si sta allenando con continuità, lo stiamo aspettando, per noi è importantissimo". 

A che punto è il percorso di Gila? 

"Gila è un ragazzo giovane, non è stato presentato nella maniera giusta. Come se uno arriva dalla Juventus Under 23 e non dalla Juve. Lui giocava nel Castilla, non nel Real Madrid. Ha 21 anni, viene dalla Serie C spagnola, sta facendo un percorso straordinaria. Ha grande personalità e doti fisiche, secondo me è bravo anche tecnicamente. Quando uno riesce a imbucare con coraggio per il centrocampista vuol dire che ha anche qualità. Certo deve migliorare dal punto di vista tattico".

La soddisfazione maggiore sulla difesa?

"La linea si sta muovendo nettamente meglio. Ma è una valutazione parziale, aspettiamo un po'. Anche perché elle ultime partite di difetti ne ho visti abbastanza". 

Un ricordo di Pilchmann? Lo ha avuto al Grosseto...

"Ho dei buoni ricordi, non aveva giocato con grande continuità prima di me. Quando arrivai io si fece male l'altro centravanti, lui giocò e fece molto bene, 8-9 gol in 10 partite. Un ragazzo di cui ho un ottimo ricordo".

QUI PER IL VIDEO DELLA CONFERENZA 

Pubblicato il 5/10