Coraggio, umiltà e la Lazio come scelta di vita. Auguri Immobile, campione d'altri tempi!

Oggi l'attaccante della Lazio, nella Capitale dall'estate del 2016, compie 31 anni: gli auguri della redazione de Lalaziosiamonoi.it
20.02.2021 07:28 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Elena Bravetti - Lalaziosiamonoi.it
Coraggio, umiltà e la Lazio come scelta di vita. Auguri Immobile, campione d'altri tempi!

COMPLEANNO IMMOBILE - Ciro Immobile è un campione d'altri tempi. Come un normale cittadino, ma non meno valoroso, che sfida il principe di turno nelle fiabe più belle. Un ragazzo normale, nato precisamente trentuno anni fa a Torre Annunziata da mamma Michela e papà Antonio, che fa della sua famiglia la vittoria più bella. L'attaccante della Lazio non ha quella sicurezza che straripa in ostentazione, propria dei grandi giocatori del calcio attuale. Nessun colpo di testa, il classe '90 ha i piedi ben saldi a terra. Li ha sempre avuti, e li ha soprattutto in questo momento, con la Scarpa d'Oro pronta ad essergli consegnata. "Pubblicizzato" ben meno rispetto ai vari Lukaku e Ibrahimovic, a Immobile non manca il sostegno del suo popolo. Quello biancoceleste, a cui è bastato vederlo qualche mese in campo per porgli sulla testa la corona e farlo diventare proprio re

UN GENTLEMAN - Immobile è un campione d'altri tempi. Un gentleman, per intenderci. Uno che, nonostante i titoli vinti, i gol siglati e la vera scalata di cui si è reso protagonista nella storia ultracentenaria del club, s'imbarazza ancora quando arrivano i complimenti. In un mondo di egocentrismo, Immobile sa ancora fare un passo indietro, lasciare la scena ai compagni, complimentarsi con loro perché "i gol mi interessano fino a un certo punto, l'importante è che vinca la squadra". Quando le cose vanno male, invece, non manca la sua presa di responsabilità. Non è servito tanto tempo per farlo diventare un leader, un senatore all'interno dello spogliatoio. E questo, indubbiamente, per il contributo dato alla squadra, ma soprattutto per l'umiltà, la totale assenza di voglia di porsi a un gradino superiore rispetto agli altri. Avrà pesato anche il suo coraggio, la poca propensione a nascondersi, la voglia di non mollare mai e la tanta fame, quella l'ha portato a diventare il bomber d'Europa

AUGURI, CIRO! - Sono passati trentuno anni dalla nascita di Immobile. Tante le maglie indossate, praticamente non quantificabili i gol siglati e le esultanze che ne sono seguite. Tutte per la moglie Jessica e i suoi bimbi anche, anche loro, hanno fatto di Roma la propria casa. Tanto da spingere Ciro a prolungare il suo matrimonio con la Lazio, facendola diventare, di fatto, una scelta di vita. Dopo tanto viaggiare, dopo rischi e delusioni, l'attaccante ha trovato finalmente la sua dimensione. I traguardi non placano la sua voglia di arrivare: con la Lazio e per la Lazio, Ciro vuole continuare a crescere e migliorarsi. Non vuole smettere di guardare il campo con un "luccichio" negli occhi, come faceva da bambino quando giocava con gli amici. Un innamorato pazzo del calcio, il re dei tifosi biancocelesti, un campione d'altri tempi, un gentleman in un mondo in cui l'umiltà è dote quasi mai apprezzata. Auguri, Ciro!

Lazio-Sampdoria, Immobile favorito su Quagliarella nella sfida a distanza

Stankevicius: "Sono ancora un tifoso della Lazio! 26 maggio? Indimenticabile"

TORNA ALLA HOMEPAGE

Pubblicato il 20/02 alle 00.00