Lazio, Zaccagni: "Più forti dello scorso anno, il mio obiettivo la doppia cifra"

21.07.2022 07:20 di Carlo Roscito Twitter:    vedi letture
Fonte: Dai nostri inviati ad Auronzo di Cadore: Carlo Roscito, Daniele Rocca, Elena Bravetti, Jessica Reatini e Tommaso Marsili
Lazio, Zaccagni: "Più forti dello scorso anno, il mio obiettivo la doppia cifra"
TUTTOmercatoWEB.com

AURONZO - Quarta e ultima conferenza del ritiro, stavolta è il turno di Mattia Zaccagni. L'attaccante parlerà dalla sala stampa dello Zandegiacomo alle 16.45, poco prima dell'allenamento pomeridiano: segui la diretta scritta delle sue parole su Lalaziosiamonoi.it. 

Ti aspettavi questo impatto con la Lazio?

"Fare uno step del genere non è mai facile, sono arrivato con la testa giusta, sapevo più o meno cosa mi aspettava. Dovevo stare sul pezzo in allenamento e in partita, è stato un anno molto positivo per me. Sono consapevole però di poter dare molto di più". 

Che vantaggio è lavorare per il secondo anno con Sarri?

"Per raggiungere grandi obiettivi bisogna guardare i piccoli dettagli. Il mister in questo è molto bravo, è passato un anno, siamo consapevoli che possiamo dare di più dell'anno scorso".

Cosa vuoi migliorare? Un desiderio?

"Mi stai chiedendo se vado in doppia cifra? (ride, ndr). Vorrei raggiungerla, sì, ovviamente bisogna lavorare tanto per riuscirci, prima di guardare i miei gol però dobbiamo fare prima i punti". 

Questa Lazio è più forte? Un commento su Casale e Cancellieri?

"Sicuramente ci siamo rinforzati, sono arrivati ottimi giocatori. Loro due li conoscevo già, eravamo insieme al Verona, sono bravi ragazzi e hanno tanta voglia di lavorare. Hanno talento, secondo me sono stati degli ottimi acquisti".

Cosa ti chiede Sarri a livello tattico?

"Il mister mi chiede di attaccare di più la porta quando la palla arriva dalla parte opposta. L'anno scorso l'ho fatto di più rispetto al passato, ora cercherò di farlo ancora meglio". 

Il calendario è condizionato dal Mondiale.

"Sicuramente sarà un campionato atipico, lo sarà per tutte le squadre, non solo per noi. Abbiamo ampliato la rosa, problemi quindi non li vedo da questo punto di vista. Faremo bene".

Sei soddisfatto della tua scorsa stagione? Quanto cambia lavorare qui fin dal ritiro?

"Molto importante fare il ritiro con il mister e la squadra che avrai durante la stagione. L'estate scorsa sono arrivato l'ultimo giorno di mercato, avevo un allenatore che giocava un calcio completamente diverso. Con il lavoro e la testa giusti però riesci a inserirti subito nel gruppo".

Pubblicato ieri alle 16:40