Milinkovic, parla il padre: "Felice alla Lazio. Sarri? Non voglio dare giudizi"

Nikola Milinkovic, papà di Sergej, aggiunge: "Si parla sempre della sua partenza, ma il presidente ha sempre detto no..."
27.12.2021 07:40 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    vedi letture
Milinkovic, parla il padre: "Felice alla Lazio. Sarri? Non voglio dare giudizi"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Nikola Milinkovic, papà di Sergej e Vanja, ha rilasciato una lunga intervista sulle pagine de A Bola parlando della carriera dei figli e del match che in Europa League vedrà opposte Lazio e Porto. Ecco le sue parole: "In italia i giocatori della vecchia Jugoslavia hanno sempre fatto la storia. ha trascorso questi anni nella Lazio seguendo l'eredità di quei fantastici giocatori che erano Mihajlovic e Stankovic. Ora ha battuto il record di Nedved! È un grande orgoglio ed è il centrocampista straniero con più gol della Lazio, basti ricordare che tanti centrocampisti fantastici sono passati per il club".

SERGEJ E VANJA - "Più che felice per le carriere di Sergej e Vanja, che sono diventati famosi, sono orgoglioso delle persone che lo sono. La carriera  Sergej è ottima e Vanja finalmente sta avendo un'opportunità e prende fiducia ogni partita giocata nella porta del Torino. Sarà al top tra due anni. Sergej è cresciuto immensamente in questi sette anni alla Lazio. Si parla sempre di una sua partenza ma il presidente ha deciso di trattenerlo. È felice nella Lazio e anche in Nazionale con l'accesso al Mondiale. Li vedo già entrambi in Qatar e sto iniziando a vedere per Vanja la possibilità che sia titolare".

LAZIO PORTO - "Gara da 50 e 50? È vero! Mi aspetto due partite aperte. Spero anche che la Lazio possa rafforzarsi nei prossimi mesi. Non stanno giocando male, ma non hanno avuto fortuna con i risultati. Il Porto è una squadra che è sempre una certezza, gioca bene e gode di un grande status in Portogallo e in Europa. Ma è una qualificazione 50/50. Devo tifare per la Lazio perché mio figlio gioca lì".

LA LAZIO - "Non è una Lazio così forte come lo è stata negli ultimi anni. Prima che scoppiasse la pandemia, la Lazio avrebbe potuto essere campione quell'anno, avrebbe dovuto approfittarne. Ora sta pagando l'adattamento a un nuovo sistema di gioco per via del cambio di allenatore, ma da ex calciatore e persona non voglio mai dare giudizi sulla qualità degli allenatori". Nikola Milinkovic, come si legge letteralmente sul quotidiano, ha glissato: "rifiutandosi di acuire il rapporto teso tra il figlio e Maurizio Sarri". L'ex calciatore ha proseguito: "Parlo con tanti giocatori che hanno attraversato la Lazio e tutti mi raccontano molto dell'esperienza, delle grandi partite che hanno giocato per la Lazio e della popolarità che hanno guadagnato a Roma. Quelli che hanno lasciato il segno sono sempre ricordati con piacere, anche tornano da avversari".

SUL PORTO - "Ho visto le partite del Porto contro il Milan e mi è piaciuto molto. Aveva un altro obiettivo chiamato Gruljc, che sta giocando molto bene, si è inserito in una bella squadra, che è al top da 30 anni, sempre con tre o quattro giocatori che si distinguono per grandi mercati all'interno di un set compatto. L'FC Porto lavora molto bene, assume meglio, porta nuovi giocatori con un marchio di qualità. ha un ottimo sterzo sportivo".

GRUJIC - "Grujic e mio figlio sono grandi amici, facevano parte dello stesso campione del mondo Under 20. Oggi nove o dieci sono in nazionale. Conosco Grujic da molti anni, controllandoli dall'età di 15 anni nelle fasi delle squadre che hanno attraversato. Aveva un profilo sopra la media ed era chiaro che sarebbe diventato quello che è oggi: un giocatore molto completo. Non è stato fortunato come Sergej, gli sono mancati i minuti per qualche anno, ma ora sta guadagnando quella presenza e quella solidità al Porto. il calcio di oggi non è più così in sintonia con la definizione di centrocampista difensivo o offensivo. Il 433 o 352, ogni buona misura deve essere utile nel processo difensivo e offensivo. Il fermo è diventato un mezzo costretto a giocare in avanti".

IL PARAGONE TRA LUI E SERGEJ - "Ho sempre detto che in Sergej  rivedo me stesso. Ci sono molte cose quasi uguali. Sta facendo una grande carriera, molte persone mi incoraggiano ancora a dire che anche suo padre era molto superiore. Inizia da ragazzo in Austria, forse a cinque anni, ma la prima vera squadra è la Vojvodina, quando siamo tornati in Serbia. Le prime lezioni furono dal padre in allenamento sull'Alverca. Lo portavo a quasi tutti gli allenamenti, ha imparato a giocare guardandomi. Era il momento in cui ha iniziato a camminare e la palla ha iniziato a suscitare curiosità".

Pubblicato alle 01:00