Calciomercato Lazio, all-in su Vavro: si lavora per chiudere la trattativa

Dopo aver preso Lazzari, la Lazio è in continuo contatto con il Copenaghen per chiudere la trattativa e portare il centrale a Roma
02.07.2019 07:00 di Marco Valerio Bava Twitter:    Vedi letture
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it
Calciomercato Lazio, all-in su Vavro: si lavora per chiudere la trattativa

Lazzari preso, ora la Lazio punta a chiudere anche per Denis Vavro. È la prima scelta per la difesa, il centrale individuato da Tare per rinforzare la retroguardia, un profilo di prospettiva, visto che è un classe 1996, ma che tra club e nazionale ha già accumulato un buon bagaglio d’esperienza. Le distanze con il Copenaghen che detiene il cartellino dello slovacco si sono assottigliate nei giorni scorsi, in queste ore si sta lavorando per arrivare alla fumata bianca, c’è fretta di arrivare a dama, anche per scacciare i timori di inserimenti di altre squadre. Nei giorni scorsi si era fatto vivo il West Ham, ma nelle ultime ore pare abbia provato a bussare alla porta del Copenaghen anche un club di Bundesliga. Vavro però ha dato la sua parola alla Lazio, vuole vestirsi di biancoceleste, è la sua priorità. I contatti sono fitti, un intermediario è in Danimarca per curare l’operazione, l’ultima offerta della Lazio è di 9 milioni a cui se ne aggiungerebbero 1,6 in natura di bonus facilmente raggiungibili. Il Copenaghen ne continua a chiedere 12. Tra domanda e offerta quindi balla meno di un milione e mezzo, ci si può incontrare a metà strada, chiudendo a 11 milioni. Una distanza minima, colmabile a breve, per questo regna una certa fiducia sulla possibilità di chiudere entro 48 ore. Con Vavro c’è già un accordo per un quinquennale da 1,5 milioni (bonus compresi). La Lazio e Vavro si avvicinano. L’obiettivo è piazzare un altro acquisto in questa settimana e regalare a Inzaghi il rinforzo giusto per la difesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge

Pubblicato l'1/07 alle 20:45