Caso Anna Frank, l’Avv. Gentile a LLSN: "Lazio soddisfatta, sentenza molto importante e innovativa"

Pubblicato il 25/01 alle 13:19
26.01.2018 07:05 di Claudio Cianci   Vedi letture
Fonte: Claudio Cianci-Lalaziosiamonoi.it
© foto di Alessandro Pizzuti
Caso Anna Frank, l’Avv. Gentile a LLSN: "Lazio soddisfatta, sentenza molto importante e innovativa"

Solo un’ammenda, niente squalifica. Questo, in sintesi, è come si è pronunciato il Tribunale Federale sulla vicenda degli adesivi antisemiti esposti in occasione di Lazio-Cagliari dello scorso 22 ottobre. Per approfondire l’argomento l’avvocato della Lazio, Gianmichele Gentile è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni: “Questa è una sentenza positiva per la Lazio, visto che dà un’interpretazione più equa della responsabilità oggettiva. Noi abbiamo fatto presente che il numero dei responsabili del fatto era estremamente esiguo, che avevamo osservato tutte le prescrizioni date dal GOS per quanto riguardava i controlli e le misure di sicurezza, che gli steward non hanno la facoltà di perquisire le persone. Tutto questo in base all’articolo 13 del codice di giustizia sportiva dava la possibilità di ritenere esclusa la responsabilità oggettiva da parte della Lazio.

DECISIONE INNOVATIVA - "La Lazio ha preso un’ammenda poiché la decisione dice che - invece di dare sanzione piena – c’è una sanzione ridotta per rispetto del principio generale della responsabilità oggettiva, ma comunque si è esclusa ogni condotta negligente o non precisa da parte della Lazio visto che non si è data la squalifica del campo. La Lazio è soddisfatta ed è una decisione che riguarda tutto l’ambiente del calcio, non si tratta di un problema che riguarda solo i biancocelesti. Si tratta di una decisione molto innovativa che ha cambiato l’interpretazione di anni e anni dei principi della responsabilità oggettiva, è una cosa importante dal punto di vista giuridico. Il ricorso della Procura? Ancora non so nulla di questo ricorso, quando faranno l’appello me lo comunicheranno. Il ricorso viene fatto con un atto che viene notificato all’altra parte, quindi alla Lazio, e che contiene i motivi e le ragioni del ricorso. La sentenza è uscita stamattina alle 10 se lo dovranno fare, dovranno scriverlo”.