Calciomercato Lazio, Caicedo pezzo pregiato: pressing Inter, ma Inzaghi...

12.01.2021 07:30 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Alessandro Zappulla-Lalaziosiamonoi.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Calciomercato Lazio, Caicedo pezzo pregiato: pressing Inter, ma Inzaghi...

Uomo gol, uomo mercato. Felipe Caicedo è decisivo sul campo e fa parlare di sé anche in altra sede, quella dedicata alle trattative, quella dei desideri (altrui) e delle resistenze (di Inzaghi e Lotito in particolare). Caicedo ha segnato anche a Parma, secondo centro consecutivo in campionato, settimo in stagione, tutti gol pesantissimi, spesso decisivi per il risultato finale. Normale che Felipe abbia attirato su di sé gli occhi di quei club che sono a caccia di un attaccante affidabile, capace di garantire rendimento costante e gol importanti. Inter e Juventus. Per esempio.

INTER - Suning ha messo in chiaro ai dirigenti qual è la linea per il mercato invernale: investimenti limitati, prestiti o scambi, magari dopo aver completato una cessione. Lotito vuole almeno 8 milioni, parte da 10, può scendere di qualche milione, non fare prezzi di saldo. Felipe è stato preso nel 2017, pagato meno di 3 milioni, a bilancio sarebbe una plusvalenza straordinaria. Tare non si opporrebbe a una cessione, significherebbe liberare un slot in lista (magari per un difensore), dare più spazio a Pereira e Muriqi, valorizzare il mercato estivo e monetizzare per un giocatore che va per i 33 anni. L'Inter - al netto di smentite di rito - s'è mossa davvero, ha avuto contatti diretti con il presidente Lotito, ha proposto prima una cifra vicina ai 7 milioni (anche se non è chiara la formula), mentre nelle ultime ore ha paventato anche uno scambio con Pinamonti. Scambio di prestiti? Scambio a titolo definitivo? Non si è capito, le indiscrezioni arrivano e vanno interpretate, serve tempo per far schiarire le nebbie del mercato. Conte vuole un giocatore pronto, Pinamonti non lo è e Caicedo sì. Sanchez non gli da garanzie fisiche, Perisic da seconda punta non rende, serve un innesto e l'ecuadoriano è il preferito del tecnico nerazzurro. 

INZAGHI - La Lazio attende, Lotito tergiversa, studia la situazione. Il presidente da una parte pensa al bilancio, dall'altra non vuole però scontentare Inzaghi. Simone ha messo il veto sulla cessione di Caicedo, lo vuole con sé, lo ritiene fondamentale. Correa è spesso vittima di problemi fisici, Muriqi non sta dando garanzie, Pereira non ha una chiara collocazione tattica e così Caicedo diventa risorsa vitale per l'allenatore che ha messo in chiaro la sua posizione e Caicedo viene considerato un titolare, per lui sarebbe impensabile farne a meno a gennaio. 

JUVENTUS E VIOLA- Per questo oggi non è semplice immaginare un addio del Panterone. Nonostante l'interesse dell'Inter e di un'altra big come la La Juventus che, come al solito, gioca su più tavoli, è il classico modus operandi di Paratici. Ha sondato Pavoletti, ha flirtato con Quagliarella e ora parla con il Sassuolo di Scamacca. Formula? Prestito biennale con diritto di riscatto. Simile a quella che era stata paventata in estate alla Lazio per Correa (allora si parlava di obbligo). La Signora per ora si muove solo su questa base, nessuno esborso immediato, nessun acquisto a titolo definitivo a meno che non sia a zero o quasi (sarebbe stato il caso di Quagliarella). Ecco perché rumors da Torino fanno sapere che la Juve è sì interessata a Caicedo, ma solo in prestito - meglio se gratuito - con diritto di riscatto fissato a 5-6 milioni. Valutazione bassa e formula sgradita. Difficile, per non dire impossibile, trovare la quadra su questa base. Così come era molto bassa l'offerta della Fiorentina, che non superava i 5 milioni. Non è escluso che la Viola possa tornare alla carica, alzando la sua proposta iniziale, ma il Panterone non vede nei gigliati la prima scelta. Il mercato fa suonare le sue campane, Caicedo piace, ma è un pezzo pregiato, come tale va trattato. La Lazio, intanto, se lo gode, pronta a tenerlo con sé fino a giugno. 

Pubblicato l'11/01

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.