Lazio già in vacanza, il Torino si aggiudica l'ultima: Inzaghi ottavo

27.05.2019 07:22 di Francesco Tringali   Vedi letture
Fonte: Francesco Tringali - Lalaziosiamonoi.it
Lazio già in vacanza, il Torino si aggiudica l'ultima: Inzaghi ottavo

Giù il sipario sul campionato della Lazio, con la classifica che emette l'ultimo verdetto. Inzaghi termina ottavo la sua terza Serie A sulla panchina biancoceleste, se è l'ultima lo deciderà solo il prossimo e decisivo summit con il club. Intanto assiste alla sconfitta dei suoi (3-1), mai in campo e già in vacanza. Iago, Lukic e l'ex De Silvestri completano la festa granata all'Olimpico, tagliando il traguardo del settimo posto. Lazio impalpabile, come detto, armi già riposte e poca verve. L'ultima gara serve solo a far ritrovare mezzo sorriso a Immobile, al gol dopo su azione dopo due mesi e mezzo. Il triplice fischio dà il via al rompete le righe, anche se questa stagione sembra essersi conclusa già qualche settimana fa.

LE SCELTE. Formazione atipica per l'ultima passerella della stagione: Inzaghi regala a Jordao la prima da titolare, poi sceglie Cataldi a fare la seconda punta. Immobile vuole spezzare la maledizione, Acerbi chiude con la 50a presenza consecutiva (monumentale). Il Toro celebra Moretti, ritiro e futuro da dirigente. Mazzarri non si fa distrarre e sogna di portare i granata al settimo posto definitivo.

RIPRESA VIVA. Sbadigli da domenica pomeriggio, sbadigli in campo da fine campionato, con due squadre che hanno pochissimo da chiedere ancora alla loro stagione. Un primo tempo da dopo lavoro, ritmo che non si alza, squadre basse e portieri totalmente inoperosi. La Lazio non è mai pericolosa, rispetta bene solo i compiti difensivi. Qualche buono spunto in ripartenza, poi la solita Lazio attendista. Copione replicato nella ripresa, ma stavolta al Toro bastano sei minuti per mandare la Lazio in vacanza: rimessa laterale di Ola Aina che è praticamente un cross per Iago Falque, con la difesa laziale praticamente ferma e col naso all'insù. Inzaghi vede i suoi totalmente in bambola, tutto certificato anche nel contropiede del raddoppio granata: Meité lancia Lukic, bravo a evitare l'uscita avventata di Proto e appoggiare comodamente in porta sguarnita. Il Toro prende terreno, allontana la Lazio, che si scuote però grazie al ritorno al gol di Immobile: spalle alla porta, palla nascosta a N'Koulou e incrocio sul palo più lontano. Che ha anche l'occasione di fare doppietta (quella manca in campionato da novembre), ma pasticcia col destro defilato davanti a Sirigu. Allora non poteva mancare il gol dell'ex: De Silvestri approfitta di una smanacciata sporca di Proto e sigilla il 3-1. L'esordio di Capanni (classe 2000) e il tributo a Moretti completano l'ultimo pomeriggio di Serie A.

Pubblicato il 26/05 alle 16:53