Lazio, Immobile domina: Ciro fa sua la Champions e zittisce gli scettici

Immobile segna ancora contro il Borussia, sono già quattro i gol in tre gare giocare e la media dice una rete ogni 63 minuti
03.12.2020 08:00 di Marco Valerio Bava Twitter:    Vedi letture
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it
© foto di www.imagephotoagency.it
Lazio, Immobile domina: Ciro fa sua la Champions e zittisce gli scettici

Sempre Ciro Immobile, infinitamente Ciro Immobile. La Lazio celebra ancora una volta il suo bomber, ha trafitto ancora il Borussia Dortmund, stavolta a domicilio, in quello stadio che è stato anche suo per un anno. Era vuoto il Westfalenstadion, si sarebbe ammutolito di fronte all’ennesima prova da leader di Re Ciro, condottiero di una Lazio coraggiosa, arrembante, capace di stringere alle corde il Borussia, riempirlo di colpi, fino alla campana che, suonata in anticipo, ha salvato i gialloneri dal k.o. tecnico. La Lazio ha giocato una partita gagliarda, ha dominato per tutto il secondo tempo, ha incassato il gol irregolare di Guerreiro, è ripartita mettendo sotto l’avversario, cogliendo il pareggio con Immobile che poi ha trovato sulla propria strada un super Burki capace di disinnescare un destro che sembrava destinato all’angolino. 

SEMPRE PIÙ NELLA STORIA - Immobile c’è sempre, non manca mai l’appuntamento, è tornato dallo stop forzato con una media incredibile, segnando cinque gol in quattro partite. Aveva fame, soffre l’inattività, lo sta dimostrando. Ciro si sta confermando dopo la super stagione culminata con la vittoria della scarpa d’oro, è ripartito con un ritmo vertiginoso, sono già nove i centri in dieci gare giocare, è arrivato a quota 134 con la maglia della Lazio, gli mancano venticinque gol per agganciare Piola (159) nella classifica all time dei marcatori biancocelesti. Ciro è scarpa d’oro europea, sta dimostrando di essere da Champions, competizione che sta onorando alla grande e che ha trovato in Immobile un assoluto protagonista. 

CIRO DA CHAMPIONS - I numeri, pure stavolta, parlano chiaro, Immobile ha già timbrato il cartellino quattro volte, media gol straordinaria considerando le sole tre partite giocate fin qui: un gol ogni 63 minuti, praticamente ogni ora di gioco arriva lo squillo di Re Ciro. Ha fatto male due volte al Borussia Dortmund, ha infilzato con una doppietta lo Zenit, ora manca il Bruges. Servono i suoi gol per centrare la qualificazione agli ottavi. Dicevano non fosse da Champions, che facesse bene solo in Serie A, sta zittendo tutti a suon di gol. Sono otto in totale nella competizione più importante, in cui ha giocato solo dodici partite, per un totale di 725’, la media dice che Immobile - in Champions - fa gol ogni novanta minuti. Una rete a partita in pratica. Ciro ora punta il Bruges, aveva saltato la gara d’andata a causa di un tampone dubbio processato dal laboratorio a cui s’affida l’Uefa, ora ha l’occasione per far gol anche ai belgi e condurre la Lazio agli ottavi di Champions. Per Ciro un altro appuntamento con la storia, lui che quella del club la scrive ormai da quattro anni.