Lazio, obiettivo alzare il muro: via ai colloqui per il rinnovo di Acerbi

Il difensore piace a diversi top club, ma la Lazio non ha alcuna intenzione di cederlo e a breve inizieranno i colloqui per il rinnovo del contratto.
20.06.2020 07:00 di Marco Valerio Bava Twitter:    Vedi letture
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Lazio, obiettivo alzare il muro: via ai colloqui per il rinnovo di Acerbi

La Lazio prepara la ripartenza, la speranza è ricominciare da dove s’era finito: attacco devastante e difesa impenetrabile. Quest’ultima guidata da Francesco Acerbi ormai uno dei leader indiscussi a livello tecnico e temperamentale della squadra. Ace fino allo stop di febbraio aveva mostrato un rendimento eccezionale, media voto di 6,44. Per capirci: Bonucci si ferma a 6,38, de Ligt a 6,02, de Vrij a 6,39 Skriniar a 6,15. Un muro invalicabile, un condottiero, Acerbi ha conquistato tutti: Inzaghi e Tare l’hanno voluto con forza, nell’estate del 2018, per raccogliere l’eredità di de Vrij, scelta che s’è rivelata azzeccatissima. È apprezzato da società, compagni e ambiente, Acerbi è uno dei segreti della super Lazio e su di lui si vuole continuare a puntare per i prossimi anni. A breve inizieranno i colloqui con l’agente, Federico Pastorello, per il rinnovo del contratto. Il telefono del procuratore in questi mesi ha squillato, alcune società si sono informate sulla possibilità di intavolare una trattativa e provare a strappare Ace alla Lazio. S’è parlato di Chelsea, Juve e Inter, ma sul tavolo di Lotito offerte non ne sono arrivate e comunque verrebbero respinte. A meno che non sia proprio Acerbi a chiedere la cessione.

RINNOVO - Ma questo scenario è difficile da contemplare. Il ragazzo a Roma sta bene, s’è calato perfettamente nel mondo biancoceleste e Lotito vuole premiarlo. Le trattative per il rinnovo non si annunciano in salita, si punta ad arrivare a un accordo in breve tempo, c’è la volontà da entrambe le parti di stringersi la mano al più presto. L’attuale legame tra la Lazio e il difensore scadrà nel 2023 e prevede un ingaggio da 1,5 milioni a stagione. Si punta ad allungare il contratto di almeno un’altra stagione (nel 2024 Acerbi avrà 36 anni) e alzare l’attuale compenso portandolo ai livelli degli altri top player della rosa e quindi - bonus compresi - Ace vedrebbe raddoppiato lo stipendio di oggi. Sarebbe un riconoscimento per un giocatore che ha dimostrato di essere imprescindibile. Intorno ad Acerbi si vuole costruire la Lazio di oggi e di domani quella che andrà a giocare la Champions il prossimo anno (a meno di clamorosi ribaltoni di classifica). Una competizione che il difensore ha giocato con il Milan nel 2012, una competizione che era l’obiettivo di entrambi al momento del trasferimento di due anni fa. La Lazio non vuole vendere il suo perno centrale, il rinnovo servirà per blindarlo e allontanare le insidie che il mercato può portare con sé. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Pubblicato il 19-06 alle 18