Lazio, tre attaccanti per due maglie in finale: Correa, Caicedo o Immobile?

Pubblicato il 13/05 alle ore 08:00
14.05.2019 07:22 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Lazio, tre attaccanti per due maglie in finale: Correa, Caicedo o Immobile?

A inizio stagione la certezza era solo una: Ciro Immobile. Capocannoniere della scorsa Serie A, bomber indiscusso e indiscutibile nelle gerarchie di Inzaghi. Alle sue spalle Luis Alberto per completare una coppia da 40 gol e 26 assist nel campionato 17/18. Ma le cose cambiano, nei primi mesi del nuovo corso è stato lo spagnolo a tentennare - con dovuto arretramento nel ruolo di mezzala - mentre adesso a essere in difficoltà è l'attaccante di Torre Annunziata. E per la finale di Coppa Italia il nodo da sciogliere è proprio in attacco.

IMMOBILE - Manca dal 10 marzo a Firenze il gol su azione, e dal 7 aprile contro il Sassuolo non timbra il cartellino in assoluto. Come riporta la rassegna stampa di Radiosei, Ciro è comunque rimasto un intoccabile, almeno fino alle ultime settimane. Ha collezionato tra tutte le competizioni 3.448 minuti in campo (dietro solo ad Acerbi e Strakosha) per 18 gol segnati. Solo 14 in campionato, contro i 29 della passata stagione. Immobile è un grande attaccante, ha dimostrato di sapersi esaltare nelle partite decisive (la doppietta in Supercoppa ne è l'esempio lampante) ma in finale rischia seriamente di restare fuori.

CAICEDO - Il 2019 è l'anno di Caicedo. La Pantera si è riscoperto attaccante prolifico e decisivo, ha fatto vacillare Inzaghi e adesso è a tutti gli effetti un titolare aggiunto. Sono 1.949 i minuti giocati dall'ecuadoriano, il 12° della rosa come a dimostrare che dopo gli 11 scelti per scendere in campo dall'inizio, ci sia proprio Felipe. Quello di prima riserva è un ruolo che però inizia a stargli stretto, Caicedo segna e fa segnare, è il più in forma là davanti e ha collezionato già 9 reti in stagione (di cui 8 in Serie A). Vuole raggiungere la doppia cifra, sarebbe la quarta volta in carriera. Con Correa forma una coppia da 7 vittorie su 7 partite insieme dal primo minuto, ormai un dato statistico più che una coincidenza.

CORREA - Anche la storia del Tucu è mutata radicalmente con il passare dei mesi e delle prestazioni. Da essere il cambio spacca-partite, Correa si è imposto come titolare al fianco di Immobile, complice anche il nuovo ruolo da mezzala di Luis Alberto. L'argentino ha collezionato 2.530 minuti in campo, è il decimo per minutaggio della rosa della Lazio e con 7 gol stagionali è ad una sola rete dal suo record assoluto di 8 reti con il Siviglia nel 2016/2017. Sembra essere lui l'unica certezza. È il solo in grado di saltare l'uomo con rapidità e facilità, creando superiorità numerica in attacco e liberando il più delle volte i compagni al tiro. Inzaghi dovrà riflettere, tutti e tre hanno un motivo per giocare. Ma le maglie sono solo due, per forza di cose uno di loro resterà fuori dagli 11 iniziali scelti per la finale.

CALCIOMERCATO LAZIO, IDEA BRUNO VIANA

ATALANTA - LAZIO, ANCHE LA TEVERE VERSO L'ESAURIMENTO

TORNA ALLA HOMEPAGE