Argentina, aumentano i casi di Covid: "Colpa degli assembramenti per Maradona" e la figlia replica...

In Argentina l'aumento dei casi di coronavirus è stato attribuito agli assembramenti in occasione della morte di Maradona lo scorso 25 novembre
07.01.2021 14:30 di Jessica Reatini Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
Argentina, aumentano i casi di Covid:  "Colpa degli assembramenti per Maradona" e la figlia replica...

Il Covid non molla la presa non solo in Europa ma nel mondo intero. Uno dei paesi più colpiti dall'epidemia è l'Argentina che nonostante abbia iniziato a somministrare il vaccino vede un aumento dei casi notevole di giorno in giorno. La crescita dei casi viene tra l'altro attribuita agli assembramenti che si sono venuti a creare il 25 e 26 novembre scorsi, in occasione della morte di Maradona. Come riportato dall'Ansa infatti migliaia di persone si sono recate davanti alla Casa Rosada per dare l'ultimo saluto al Pibe de Oro e da qui sarebbero partiti i contagi. Non ci sta però la figlia Giannina che ha scritto in merito una lettera su Twitter: "Vedremo com risolvere la cosa, sappiamo che Diego era un po' di tutti ed è bellissimo vedere tutti i murales che vengono fatti in suo onore. Ed è bello anche il fatto che chiunque ci dica che vuole andare presso una di queste opere a deporre dei fuori possa farlo. Prudenza con le parole, ed empatia e pietà per chi è passato in una situazione come la nostra, e per coloro che non hanno potuto dare l'ultimo saluto ai propri familiari a causa di ciò che stiamo vivendo. Ma non è stata colpa di Maradona per quello che è successo lo scorso 25 novembre. Io avrei preferito rimanere in una stanza sola con la mia famiglia, non incolpateci per l'aumento dei contagi. Rispetto per lui che ora è in cielo, rispetto per noi rimasti qui a piangere per nostro papà, o fratello, o nonno o amico. E grazie ancora per tutti qui bellissimi messaggi, i fiori, le cose che avete lasciato".

Parma - Lazio, probabili formazioni: torna Leiva, ducali decimati

Lazio, Caicedo e il vizio del gol (col destro): il dato statistico

TORNA ALLA HOME PAGE