Serie A, gli stadi al 50% peseranno sui club e sui tifosi: i dati

02.08.2021 10:40 di Federico Marchetti Twitter:    vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport
Serie A, gli stadi al 50% peseranno sui club e sui tifosi: i dati

La pandemia continua a pesare su tutto, sport compreso, con la Serie A che non fa eccezione e che quest'anno riaprirà i battenti ai tifosi, ma solo con una soglia massima del 50% di affluenza rispetto alla capienza degli impianti. Come sottolinea l'odierna rassegna stampa a cura di Radiosei, le istituzioni calcistiche e sportive chiedono a gran voce una pressione meno forte sul settore considerando anche il buon andamento della campagna vaccinale, ma per ora il Consiglio dei Ministri non sembra voler eliminare o attenuare le restrizioni, incluso il vincolo del metro di distanza tra un posto e un altro. Questa situazione pesa anche sui club, che secondo i dati ufficiali della Lega nella stagione 2019/20 tra mancati incassi e rimborsi degli abbonamenti hanno avuto perdite complessive di 108,2 milioni di euro, diventate 317,9 milioni la scorsa stagione passata per intero a porte chiuse: un totale di ben 426,1 milioni, senza aggiungere sconti nei diritti tv e calo nei ricavi commerciali. Con un'apertura al 50%, tra l'altro, a San Siro rimarranno fuori in media oltre 22mila tifosi dell'Inter e 15mila del Milan per partita, mentre all'Allianz Stadium saranno 18mila i sostenitori della Juventus che non potranno entrare. Per Roma e Lazio la riduzione sarebbe meno dolorosa: dimezzando i seggiolini disponibili sarebbero in media 3mila i romanisti senza un posto e nemmeno 2mila i laziali, il tutto ovviamente in base ai dati riguardanti la media degli spettatori presenti nell'ultima stagione completamente a porte aperte, la 2018/19. Tra l'altro, il minor numero di tifosi che entrano allo stadio potrebbero dover pagare prezzi maggiorati, considerando i pochi posti disponibili. La situazione non è ideale e il campionato deve ancora cominciare.