Lazio, in rosa un altro cuore biancoceleste: la storia di Alessio Romagnoli

10.07.2022 08:15 di Tommaso Marsili Twitter:    vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Lazio, in rosa un altro cuore biancoceleste: la storia di Alessio Romagnoli
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di DANIELE MASCOLO

RASSEGNA STAMPA - Danilo Cataldi non è più solo. Da quest'anno in rosa ci sarà Alessio Romagnoli a fargli compagnia. Il difensore di Anzio, arrivato a zero dal Milan, condividerà lo spogliatoio con il centrocampista di Ottavia. Entrambi quello spogliatoio lo hanno sognato da bambini. Romani e laziali, con il sogno di lottare con la maglia biancoceleste. Per Danilo è stato più facile: è partito nelle giovanili della Lazio, ha vinto da capitano in Primavera per poi arrivare in prima squadra. Non è stato facile rimanere nei piani della società, si è dovuto andare a fare le ossa in prestito, ma alla fine è tornato diventando importante. 

IL PERCORSO DI ROMAGNOLI - Come riporta la rassegna stampa di Radiosei, il classe '95 ha dovuto sudare e aspettare silenziosamente prima di realizzare il suo sogno. La sua carriera è partita da Nettuno, dove i genitori Giulio e Gianna hanno deciso di iscriverlo per iniziare a dare i calci al pallone. A 10 anni il provino con la Roma, grazie al concittadino Bruno Conti che lo notò. Sarebbe stato stupido non accettare l'offerta di giocare con la maglia giallorossa, nonostante il cuore avesse spazio solo per il biancoceleste. Dopo aver fatto la trafila nelle giovanili, il 22 dicembre 2012 Zeman, ex Lazio, lo fece esordire in Serie A. Il primo numero di maglia fu il 46, per evitare disguidi. Scelse uno dei suoi idoli sportivi, Valentino Rossi, per non avere problemi, ma lui ha sempre desiderato il 13 sulla schiena. Il desiderio si realizzò con il passaggio al Milan, dove potè indossare il numero del difensore che da ragazzino vedeva dalla Curva Nord e che, come lui, era stato al Milan. Per chiudere il cerchio serviva tornare a casa. Quel momento è arrivato. La 13 biancoceleste aspetta solo lui. L'attesa è finita. Un altro cuore biancoceleste batterà in campo vicino a quello di Cataldi.