RIVIVI LA DIRETTA - Lotito: "Sicurezza al primo posto. Per la Coppa servono coesione e voglia"

14.05.2019 11:15 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico Gaetano
RIVIVI LA DIRETTA - Lotito: "Sicurezza al primo posto. Per la Coppa servono coesione e voglia"

FORMELLO - Giornata in sala stampa. La prima, a Formello, con il presidente Claudio Lotito che presenterà Nicolò D'Angelo, il nuovo responsabile della sicurezza biancoceleste. La conferenza iniziata intorno alle ore 10.30: ecco il resoconto della diretta scritta delle loro parole su Lalaziosiamonoi.it.

Il presidente Lotito parla: 

"Mi chiederete il motivo di questa conferenza, è indispensabile portare a conoscenza di tutti il nuovo assetto riguardo la sicurezza. In vista di domani vogliamo veicolare messaggi per il rispetto delle regole, affinché non si scada in comportamenti e situazioni che potrebbero far considerare la giornata in modo diverso. Il comparto della sicurezza è fondamentale, parlo della sicurezza delle strutture, dello stadio, dei calciatori, anche quella informatica. La società ha fatto una scelta di grandissimo spessore con D'Angelo. Abbiamo messo in atto una serie di azioni che sono la continuazione di quanto fatto con l'organizzazione precedente. Oggi qui sono presenti Calveri e D'Angelo, rappresentano un rapporto di continuità. Possiamo dire di essere leader a livello nazionale, a ognuno viene assegnato il compito specifico".

SUI TIFOSI -  "I tifosi devono fare i tifosi, li rispettiamo e li aiuteremo affinché ci siano comportamenti giusti e rispettosi delle regole. Oggi ho sentito la responsabilità di parlare qui. Un presidente di calcio, al di là dei risultati sportivi ed economici, è portatore dei valori sani e legali del club, noi come società cerchiamo di rispettare tutte le norme, di invogliare le persone a tifare la Lazio, che è la prima squadra della Capitale. Tutto chiaramente nel rispetto delle regole. I tifosi devono essere orgogliosi di essere della Lazio, avranno corsie preferenziali nel rispetto delle norme. Mi auguro che domani sia una giornata di sport e spettacolo, di grande passione, di orgoglio di appartenenza ai colori biancocelesti, e che i tifosi abbiano un comportamento consono. La Lazio ha i colori delle olimpiadi, che sono state sempre l'apice dei valori dello sport. Domani spero avvenga lo stesso, che sia una giornata di totale serenità. Sul campo gradiremmo che i nostri calciatori dimostrassero lo stesso attaccamento dei nostri tifosi. La passione deve essere il linguaggio dei tifosi attraverso la squadra. Questo è fondamentale, è una partita abbastanza delicata per le tifoserie, quindi ci tenevo a fare un appello, dando fin da oggi tutta la disponibilità dell'organizzazione della società ai tifosi. 

CAPITOLO COPPA ITALIA - "Se sono fiducioso per la finale? Siamo cattolici praticanti, quindi abbiamo una visione escatologica. Se incontrerò la squadra? Farò tutto ciò che ho sempre fatto, è una partita particolare, l'aiuto di tutti è fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi. Il mio intervento è legato a questo, i risultati si ottengono grazie all'aiuto di tutti, staff tecnico, medico, calciatori e tifosi. Se tutti lavorano all'unisono, allora si arriva all'obiettivo. Se poi uno rema da una parte e uno dall'altra le cose si complicano. Questo è un gioco di squadra, partecipano tutti, anche i tifosi che sono il dodicesimo uomo in campo. Se creiamo un clima coeso e determinato, e la squadra scende in campo con voglia, ci possiamo giocare le nostre chance. Abbiamo una squadra allestita per competere contro tutte, a volte sono arrivati grandi risultati, a volte meno. Spero che la squadra sia concentrata per ottenere un trofeo che darà grande soddisfazione ai tifosi e alla società.