Lazio, Luis Alberto: "Mia moglie il mio pilastro, al Camp Nou il primo incontro. E sui miei gol..."

Lo spagnolo, in diretta con la moglie, ha risposto alle domande dei propri seguaci: "Chi ha fatto il primo passo? Qui di apre un conflitto"
17.02.2021 07:28 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Lazio, Luis Alberto: "Mia moglie il mio pilastro, al Camp Nou il primo incontro. E sui miei gol..."

Chiacchierata di coppia per Luis Alberto e la moglie Patricia. I due, in diretta su Stereo, applicazione che consente di parlare con i propri followers utilizzando degli "avatar", hanno risposto ad alcune domande dei propri seguaci. La spagnola ha prima di tutto presentato la famiglia: "Siamo insieme da più di 10 anni insieme, 6 anni sposati. Due bambini, un cane, viviamo a Roma". Poi, via ai primi quesiti, a cui ha risposto la moglie del 'Mago': "Chi ha fatto il primo passo? Qui si apre un conflitto. Diciamo che è stato un 50%. Io ti ho invitato a uscire insieme, però tu sei stata la prima a parlarmi. Il prossimo viaggio che faremo quando non ci sarà più il Covid-19? Maldive e poi Ibiza con i nostri amici, senza bambini. Come ho detto a Luis di essere incinta? Di Martina eravamo insieme a Malaga, e di Lucas ti ho mandato una foto perché stavi in ritiro. Siamo diventati genitori quando io avevo 23 e tu 22. Il secondo figlio quando io ne avevo 26 e lui 25".

UN PO' DI ROMANTICISMO - È poi il turno di Luis Alberto, che si lascia andare alla sua vena più romantica: "Di te mi piace tutto, il tuo essere affettuosa, tenera, amichevole". Dolci parole ricambiate da Patricia: "Sei generoso, sempre disposto ad aiutare tutti. Però molte volte arrivi a una forma estrema, e non mi piace troppo". La spagnola continua: "In che posto, tra quelli in cui abbiamo vissuto, torneremmo a vivere? Direi Barcellona. A Siviglia andremo sicuramente quando mio marito chiuderà la carriera".

IL PEGGIOR LITIGIO - Il centrocampista della Lazio ha poi raccontato il peggior litigo avuto con sua moglie: "Il peggior litigio cinque anni fa, al primo anno di Martina, perché non mi rendevo conto di esser diventato padre. È il momento in cui la nostra relazione ha tremato un po', ricordo che mi scusai e ne siamo usciti. Tutti i rapporti hanno dei momenti belli e brutti". Patricia conferma, sottolineando la difficoltà del momento: "Mi vedevo sola in una città diversa rispetto alla mia, psicologicamente anche io non stavo bene".

IL PRIMO INCONTRO - La spagnola ha poi raccontato il momento del primo incontro con il marito: "La prima volta che ci siamo visti è stato a Barcellona, in finale di Coppa del Rey. Giocava il Siviglia contro l'Atletico Madrid. Io gli ho chiesto una foto come fossi una fan, ricordo che lui mi offrì una Coca Cola e ci siamo scambiati il numero di telefono. Questa è stata una bella casualità, che ci ha uniti, ma realmente abbiamo iniziato a frequentarci molto più tardi, quasi due anni dopo". Luis Alberto, poi, continua a rispondere: "Peggio un figlio del Betis o della Roma? Che tifi ciò che vuole, ma sarà sicuramente o del Siviglia o del Cadice, i nonni gli hanno fatto sin da piccoli l'abbonamento per andar a vedere le partite al Sanchez Pizjuan":

GOL E CRITICHE - L'ex Liverpool si è poi espresso sulle critiche e sui gol più belli: "Quando sono costruttive, le ascolto e sto zitto, quando invece sono cattive blocco direttamente sui social. Mi sembra una cosa da codardo scrivere scrivere delle critiche da dietro lo schermo. Il mio pilastro? Mia madre nelle categorie inferiori, ma senza mia moglie non so dove sarei arrivato. Mi ha dato tanta stabilità, ha evitato di perdermi in cose che non riguardavano il calcio, mi ha aiutato tanto. Penso che lei sia stata il mio pilastro. Il gol più bello? Quello fatto al derby (ride, ndr). Il più importante contro il Napoli. È stata la rete che ha cambiato un po' tutti. Quello che stilisticamente mi piace di più quello col Sassuolo. Dove mi piacerebbe terminare la carriera? Sicuramente il sogno è giocare nel Cadice".

Pubblicato 16/02/2021

Lazio, Immobile sempre alla PlayStation, Jessica si lamenta: "Colpa mia" - FT

Tamponi Lazio, il portavoce Rao: "Deferimento? Una questione d'interpretazione delle norme"

TORNA ALLA HOMEPAGE