PAGELLE - Milan - Lazio, disastro Durmisi. Cilecca Immobile, Romulo convince

13.04.2019 22:30 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
PAGELLE - Milan - Lazio, disastro Durmisi. Cilecca Immobile, Romulo convince

STRAKOSHA 6.5: La parate su Piatek non è complicata, ma provvidenziale: è bravo ad avanzare e a chiudere lo specchio al polpaccio. Quella nel finale su Suso è invece super. In mezzo, il rigore di Kessié: il centrocampista non gli lascia scampo e lo spiazza.

LUIZ FELIPE 6: Irruente nei primi interventi, quasi spericolato (rischia due volte l’ammonizione). Poi calibra le misure e il temperamento. Comunque un passo indietro rispetto alla gara a San Siro con l’Inter, lì era stato di un’altra pasta.

ACERBI 6: Si danna l’anima quando non vede il giusto approccio dei compagni, i palloni persi banalmente, le disattenzioni difensive. Svolge i suoi compiti difensivi, Piatek è pericoloso quando stacca di testa su Luiz Felipe. Uno degli ultimi a mollare.

BASTOS 5.5: Se la stava cavando alla grande, come successo in tutte le ultime partite disputate. Ha una grossa colpa: stringe troppo la posizione, si attacca ad Acerbi e lascia scoperta la zona nell’azione del rigore subìto.

Dall’81’ PAROLO sv

ROMULO 6.5: Una partita coraggiosa perché dopo pochi minuti se la complica con un’entrataccia a centrocampo che obbliga Rocchi a tirare fuori il giallo. Punta l’avversario, non ha paura, mette dentro cross tesi, regala l’appoggio costante da quella parte.

MILINKOVIC 6: Bene fino all’intervallo, quando spinge e si propone costantemente nell’area avversaria. Nella ripresa cala vistosamente e non riesce più a incidere. Anche se s’era guadagnato il possibile rigore del pareggio.

LEIVA 6.5: Copre le linee di passaggio, raddoppia tutti, arriva puntuale su ogni pallone della terra di mezzo. Si getta a corpo morto sulle conclusioni del Milan. Il peccato è che ce ne sia soltanto uno in campo.

LUIS ALBERTO 5.5: L’unico spunto geniale è il filtrante nel primo tempo per Immobile (palo). Per il resto crea poco o nulla e si becca pure un’ammonizione che gli farà saltare il recupero con l’Udinese di mercoledì (era diffidato).

LULIC 6: Suso e Calabria lo puntano, provano a metterlo in mezzo con le sovrapposizioni del terzino. Tiene piuttosto bene, manca la pericolosità nella metà campo avversaria. Inzaghi gli risparmia l’ultimo quarto d’ora. Purtroppo, considerando come andranno le cose.

Dal 74’ DURMISI 4: Tre minuti per rovinare una partita e forse un obiettivo stagionale. Errori del genere non possono esistere.

CORREA 6: Le due azioni pericolose del primo tempo sono lo specchio della sua stagione: fenomenale nei dribbling e nell’assist per Immobile, impreciso quando poi deve pensarci lui a buttarla dentro. Il Milan, un girone fa, era stata la sua ultima vittima in campionato. Un problema fisico gli impedisce di colpirla nella ripresa. O quantomeno di provarci.

Dal 48’ CAICEDO 5: In campo a freddo, senza riscaldamento, forse per questo ci mette un quarto d’ora abbondante per entrare in partita. La giocata più interessante è il filtrante per Romulo. Pure l’unica. Troppo, troppo poco.

IMMOBILE 5: Sul destro ha la chance di colpire a inizio partita: Reina si supera e lo mura. La calpa è sua invece sul mancino spedito sul palo. Non brilla di precisione: ottavo palo, sempre più record. Rimane il difetto di fabbrica: se non segna lui, è notte fonda. Ma questa non può essere sua responsabilità: avrebbe bisogno di una mano per portare la croce. 

ALL.: INZAGHI 5.5: La Lazio fa bene a sprazzi, e sono tutti nel primo tempo. Il timore è stato superiore alla spavalderia e alla personalità richieste alla vigilia. In campo si vede una squadra paurosa. Il cambio sulla fascia sinistra è letale per il risultato. Ora si fa veramente dura centrare il quarto posto.

MILAN (4-3-3): Reina 7; Calabria 5.5 (Laxalt 6), Musacchio 6, Romagnoli 6.5 (Zapata 6.5), Rodriguez 6; Kessié 7, Bakayoko 6.5, Calhanoglu 6.5; Suso 6, Piatek 6.5 (Cutrone 6), Borini 6.5. All.: Gattuso 6.5.