eSports Lazio, Canigiani: "Vogliamo aumentare visibilità e notorietà del nostro brand"

07.04.2020 18:10 di Valerio De Benedetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
eSports Lazio, Canigiani: "Vogliamo aumentare visibilità e notorietà del nostro brand"

Da poche settimane è stato annunciato l'esordio della Lazio nel mondo degli eSports. Un progetto che vede coinvolte sempre più squadre di Serie A e non solo, e che sempre più sta prendendo piede nel nostro paese. Per parlarne, il portale Calcio e Finanza, ha intervistato Gianfilippo Valentini, manager di GoProject, agenzia che da anni affianca la Lazio in attività di comunicazione e fan enagagement, e Marco Canigiani, responsabile del marketing biancoceleste.

VALENTINI - “Il Team Esports Lazio è un progetto su cui lavoriamo da mesi in sinergia con i responsabili interni della società e si inserisce all’interno di iniziative diverse volte alla valorizzazione del brand. La Lazio ha deciso di affrontare questa sfida perché è molto attenta alle dinamiche delle nuove generazioni e ai loro interessi. Come GoProject l’attenzione che dedichiamo al settore degli eSports ci porta a mettere in campo diverse iniziative verticali su questo mondo in rapida e costante crescita. Grazie al Social Football Summit abbiamo avuto modo di spostare l’attenzione su questo settore nuovo e complementare del tessuto calcistico italiano e questo progetto in collaborazione con la S.S. Lazio dà continuità al lavoro svolto negli ultimi due anni in ambito digital. Come rappresentante di GoProject, inoltre, ci tengo a ringraziare la società Lazio per la fiducia dimostrata nel portare avanti questo progetto insieme". Poi prosegue: "L'idea è di lavorare in sinergia con la società biancoceleste per la realizzazione di eventi capaci di coinvolgere l’universo giovanile e permettere al brand Lazio di incontrare l’interesse dei tifosi. A tal proposito abbiamo puntualmente aperto un profilo su Twitch che in pochi giorni ha raggiunto ottimi risultati a livello di audience”.

CANIGIANI - "Certamente l’ingresso negli eSports serve ad intercettare le esigenze e i gusti delle nuove generazioni ma, a mio avviso, questi fenomeni vanno non solo seguiti ma gestiti. Il rischio di una sostituzione nel medio lungo periodo esiste e per questo il gioco tradizionale deve migliorare la sua offerta proprio per intercettare le esigenze delle giovani generazioni. Fondamentali i nuovi stadi da pensare con infrastrutture e servizi interattivi. Andare allo stadio nel futuro dovrà essere come immergersi in un …..videogioco”. Poi prosegue: "Abbiamo atteso più di altri nella creazione del Team proprio perché volevamo costruire qualcosa di diverso. La creazione di un Team cosi strutturato evidenzia l’attenzione del Club verso la persona. Chi gioca deve essere supportato da diversi punti di vista, l’applicazione, la concentrazione, l’alimentazione, lo stato psico-fisico e tutto quello che serve va supportato attraverso professionisti che aiutino il giocatore in tutti gli aspetti. E poi come precedentemente detto ci interessa veicolare messaggi positivi ai giovani appassionati di questa disciplina. Come tutti l’obiettivo è quello di aumentare la visibilità e la notorietà del nostro Brand a livello nazionale ed internazionale, oltre alla possibilità di attrarre nuovi investitori che partendo da queste iniziative possano poi abbracciare il sistema globale Lazio. Abbiamo costruito una squadra in grado di competere in quella che sarà il campionato italiano EserieA ma anche nei maggiori tornei del mondo”.

Correa: "Campionato? Non so quando si riprenderà, ma non dobbiamo rilassarci"

Lazio, Petrelli: "Questa squadra mi ricorda quella di Maestrelli. Peccato per lo stop!

TORNA ALLA HOMEPAGE