Lazio, Paganini vota il mercato: "Per la Champions serviva di più, ma merita un 7"

Il giornalista di Rai Sport ha dato il proprio giudizio in esclusiva sul mercato svolto dai biancocelesti in questa finestra estiva
11.10.2020 07:10 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Tommaso Marsili
Lazio, Paganini vota il mercato: "Per la Champions serviva di più, ma merita un 7"

Si è da poco conclusa la più strana finestra di calciomercato di sempre. Il Coronavirus è riuscito a modificarne le date e le modalità, ma comunque i club sono riuscite ad acquistare e vendere giocatori. Tra queste c'è la Lazio, che ha inserito nella propria rosa 7 nuovi acquisti e non ha fatto cessioni importanti. Paolo Paganini, giornalista di Rai Sport, ci ha detto in esclusiva cosa ne pensa: "Ai movimenti dei biancocelesti darei un 7, anche se sinceramente mi sarei aspettato qualcosa in più dato l'importante obiettivo centrato nella passata stagione (l'approdo ai gironi di Champions League, ndr) e che quindi sarà impegnata su più fronti. Forse la rosa doveva essere allargata ulteriormente, però gli acquisti fatti sono di qualità". 

DELUSIONE DAVID SILVA - "Sinceramente mi aspettavo l'arrivo di David Silva, La Lazio lo ha inseguito a lungo, poi il giocatore ha scelto, per varie ragioni, di non venire a Roma. Tare per me è uno dei direttori più bravi in Italia e forse non solo e di questo mancato arrivo non si può dare la colpa a lui". 

CAPITOLO ACQUISTI - "A me piace molto Fares, preso dalla Spal. E' un giocatore di prospettiva. Anche Muriqi può fare bene. Difficilmente i capitolini sbagliano gli acquisti, lo abbiamo visto anche in passato".

LACUNE BIANCOCELESTI - "Il problema è che, come gli anni scorsi, si arriva alla fine con la coperta corta. Questo è il limite della squadra allenata da Inzaghi. Fino all'arrivo del Covid-19, avevano battuto due volte la Juventus ed erano accreditati per vincere lo scudetto. Alla fine, al netto della situazione d'emergenza generale, arrivi a giocare partite importanti in difficoltà, vedi lo scontro con il Milan dove Inzaghi ha dovuto mettere Correa prima punta date le assenze di Caicedo e Immobile. Manca l'aver allargato la rosa, anche se gli acquisti arrivati, sono innesti di qualità. Io avrei preso semplicemente un giocatore in più per ogni reparto, senza però comprare inutilmente. Dal punto di vista numerico, se si è impegnati su più fronti, con le cinque sostituzioni ed una rosa ampia, puoi dire la tua fino in fondo con tutti. Ora la Lazio si trova in difficoltà in difesa proprio sotto questo aspetto per i tanti infortuni. Non so se c'è ancora la possibilità di acquistare i giocatori svincolati, ma se così fosse, servirebbe qualcuno già pronto per essere inserito in rosa. L'Inter, diretta concorrente dei biancocelesti, non ne ha di questi problemi: Perisic e Nainggolan dovevano anadare via e sono rimasti, contro la Fiorentina sono entrati e hanno cambiato il corso della partita".

OBIETTIVO CHAMPIONS - "Quest'anno è un campionato anomalo, con un grosso punto interrogativo per via del Coronavirus. Se la situazuone fosse normale, questa Lazio potrebbe tenere il ritmo sia in campionato che in coppa fino a marzo, poi però, se non si dovessero fare investimenti nel mercato di gennaio, rischierebbe di arrivare col fiato corto e dovrebbe scegliere un torneo su cui concentrarsi, com'è successo negli anni precedenti. Rimane insieme a Juventus, Inter, Napoli e Atalanta, una delle squadre che può compbattere fino in fondo per traguardi importanti. I bianconeri ora sono anche meno imbattibili rispetto al passato, per via dei numerosi cambiamenti fatti. Una squadra solida, ben organizzata, che gioca da tanti anni insieme come la Lazio, può ripetere quanto fatto lo scorso anno". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Scritto il 10/10/2020 alle 18:00

LAZIO, VISITE MEDICHE IN PAIDEIA PER HOEDT

LAZIO, IL REPORT DELL'ALLENAMENTO A FORMELLO

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME PAGE