Celtic - Lazio, dalla trasferta di Glasgow alla querela del giornale. Simone: “Vi racconto la mia storia”

09.11.2019 13:30 di Andrea Marchettini   Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Celtic - Lazio, dalla trasferta di Glasgow alla querela del giornale. Simone: “Vi racconto la mia storia”

Glasgow, 24 ottobre: a Merchant Square parte il corteo dei tifosi biancocelesti verso il Celtic Park. Tra i sostenitori della Lazio volati in terra scozzese c'è Simone, un ragazzo che ha approfittato dell'occasione per seguire da vicino la sua squadra del cuore. E, come tutti gli altri tifosi biancocelesti, è in marcia verso l'impianto sportivo scortato dalla polizia britannica. L'atmosfera è calda, dentro lo stadio si fa bollente, ma il risveglio per Simone è ancora più scottante: "Il giorno dopo la partita, in viaggio da Glasgow ad Edimburgo, mi arriva un primo messaggio da un mio amico che mi manda questa foto. Appena la vedo, in compagnia di altri amici, ci facciamo una risata, ma dopo aver letto il titolo mi è sembrata subito un cosa grave". L'immagine - di un noto giornale che titola 'Lazio, gli ultrà fanno il saluto romano per le strade di Glasgow' - ritrae Simone in primo piano. "Non credo che questo sia il modo corretto di fare informazione: la mia foto in primo piano in mezzo a un corteo di migliaia di persone. Non mi interessa dissociarmi da certi atteggiamenti, ma sul titolo c'era scritto un qualcosa che io non ho mai fatto e che non condivido. Se si guarda la foto, si capisce che io in quel momento non stavo facendo nulla: stavo solamente cantando con le braccia larghe, mentre mi dirigevo allo stadio. L'edizione online di questo giornale la leggono tutti, questo articolo lo hanno visto molte persone che conosco, tra cui la mia ragazza e mia madre. Quindi col mio avvocato ho deciso di querelare. Forse qualcun altro al posto mio non avrebbe detto nulla, ma a me non è sembrato giusto far finta di niente. Contestualmente alla querela che ho fatto mercoledì, abbiamo mandato una richiesta di rimozione della foto e adesso sul sito non c'è più, è stata rimossa. Di certo non mi è sembrato corretto, giornalisticamente, fare questa cosa: adesso aspetto e vedo se perlomeno mi contattano. Ripeto comunque che a me l'unica cosa che interessa è andare a seguire la Lazio e vedere la partita di pallone, di tutto il resto mi importa poco. Purtroppo le voci girano, io ho un lavoro e non mi andrebbe che la mia immagine venga associata a questi atteggiamenti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell'articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Pubblicato alle 10.15