Riparte la stagione della Mantovani Lazio Rugby

24.09.2009 18:04 di Alessandro Pizzuti  articolo letto 1909 volte
Fonte: Uff. Stampa Lazio Rugby
Riparte la stagione della Mantovani Lazio Rugby

Prende il via il campionato di serie “A” 2009/2010, con la prima giornata in programma domenica 27 settembre, e la Mantovani Lazio Rugby 1927 si appresta a recitare un ruolo importante anche quest’anno.

Negli ultimi due campionati, la squadra biancoceleste è arrivata ai play off, non riuscendo a centrare la promozione, in entrambe le occasioni, per pochissimo. In questa nuova stagione la Lazio riparte carica di entusiasmo e con, in più, la consapevolezza del proprio potenziale. Il presidente Alfredo Biagini non ama fare proclami ne’ dichiarare obbiettivi, ma la composizione dell’organico messo a disposizione parla chiaro. Sono molte le novità, sia riguardo la guida tecnica, che la rosa dei giocatori, con diversi nuovi arrivi, che vanno a integrare la solida e affiatata struttura di base di una squadra formata per la stragrande maggioranza da giocatori provenienti dal vivaio o, comunque di Roma.

Il forzato addio al tecnico Eugenio Eugenio, tornato a Venezia per cause famigliari e lavorative, ha portato alla soluzione più logica al fine di dare continuità al lavoro svolto negli ultimi due anni: la guida tecnica è stata affidata al duo Victor Jimenez – Alfredo De Angelis, entrambi con il doppio ruolo di allenatore – giocatore, il primo responsabile del pacchetto di mischia, il secondo dei trequarti. Si tratta di una scelta che ha suscitato grande entusiasmo sia tra i giocatori che all’interno della Società.

Le partenze sono state bilanciate da arrivi importanti arrivi. In mischia si dovrà fare a meno del prezioso apporto di Mallet e Poppmeier, rientrati in Sudafrica, e di Luca Petillo approdato in Top 10 con il Prato, ma Jimenez potrà contare su nuovi giocatori che rappresentano già delle certezze, come Mark Siddons, seconda linea gallese proveniente da L’Aquila, Ventricelli e Mastrodomenico, terza e sonda linea dalla Capitolina, e Marco Pellizzari, terza linea di scuola Treviso lo scorso anno a Colorno.

Il reparto arretrato presenta numerose novità, si registrano le partenze di Brandizzi, Vodo ed Evans, e gli arrivi di giocatori di primo livello come Carl Manu, centro neozelandese dal Colorno, Bruno Molaioli, ala dalla Capitolina, e gli importanti e graditi ritorni di Gabriele Gentile, mediano di mischia di scuola laziale, anche lui dalla Capitolina, e di Pierpaolo Rota, centro di ritorno dopo tre anni alla Rugby Roma.

Inoltre non è da sottovalutare la possibilità di inserire, all’occorrenza , alcuni giovani di grande prospettiva provenienti dall’Under 20 vice campione d’Italia, come Fabiani, Colabianchi, Giulio e Filippucci senza contare Riedi e Lorenzotti, ragazzi che hanno già collezionato numerose presenze con la prima squadra, pur rientrando ancora nei limiti della giovanile.

Eugenio Eugenio, nelle sue due stagioni, è riuscito a dare una mentalità vincente alla squadra, se i giocatori riusciranno a seguire la via tracciata dall’ex tecnico, questo potrà essere un anno ricco di soddisfazioni.

C’è grande attesa per vedere all’opera la nuova Lazio, domenica si presenterà all’Aquacetosa il Brescia, squadra tosta e pesante, un primo test da non sottovalutare secondo De Angelis e Jimenez, il fischio d’inizio è fissato per le 15.30.