Mancini: “Quale lavoro è essenziale e quale no? Il calcio ha pagato questo”

29.10.2020 11:30 di Leonardo Giovannetti Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Mancini: “Quale lavoro è essenziale e quale no? Il calcio ha pagato questo”

A SportLab, in occasione dei 75 anni di Tuttosport e Corriere dello Sport, il ct della Nazionale Mancini ha rilasciato alcune dichiarazioni: "Qual è il lavoro essenziale oppure no? Quelli che dicono che il loro lavoro non è essenziale vivono in un altro mondo. Il calcio ha pagato questo, intorno al calcio ci sono moltissime persone con stipendi normalissimi, in tutte le squadre e in tutti i club. Dai magazzinieri ai giardinieri, al cuoco. Ci sono tante persone che lavorano. Abbracciarsi dopo i gol è sbagliato? Noi siamo stati in ritiro 11 giorni e abbiamo fatto 11 tamponi. Vero è che quelli dei club tornano a casa, ma si contagiano i giocatori, le persone, un po' tutti. Mi sembra che possa prendere chiunque in qualsiasi ambito. È più difficile prenderlo all'aria aperta, forse".