Lazio, senza Immobile sei perduta: Ciro segna e fa segnare. E gli altri?

Come riportato dall'odierna rassegna stampa di Radiosei, l'incidenza di Immobile per la Lazio è di vitale importanza. Dietro di lui il nulla?
26.10.2019 08:15 di Tommaso Guernacci Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Massimiliano Vitez/Image Sport
Lazio, senza Immobile sei perduta: Ciro segna e fa segnare. E gli altri?

È inutile girarci intorno, carta canta: se non segna Immobile o fa segnare, questa Lazio è persa, senza riuscire (o quasi) a ovviare al problema. Come riportato dall'odierna rassegna stampa di Radiosei, infatti, il centravanti biancoceleste - nelle 8 giornate di campionato disputate sin qui - ha partecipato a ben 12 reti sulle 16 totali della squadra, segnando 9 gol e fornendo 3 assist. Le cose non vanno meglio se si prende in considerazione l'Europa League: nell'unica partita in cui Immobile è partito titolare (contro il Rennes), non solo la Lazio ha vinto, ma ha vinto anche grazie a una sua marcatura. Di contro, nelle gare in cui non è partito titolare (contro il Cluj neanche convocato), la Lazio ha perso e ha pagato a caro prezzo la leggerezza sotto porta - con palo annesso - di Correa. Tra campionato ed Europa League - senza Ciro titolare - la Lazio ha confezionato 3 sconfitte su 4: a Milano contro l'Inter anche l'unica gara dove i biancocelesti non sono andati a segno. 

GLI ALTRI - Limitandoci solamente al reparto offensivo, ci si rende subito conto - in termini realizzativi - di come dietro Immobile ci sia il nulla o quasi. Correa è bello ma non balla: l'argentino ha colpi da top player, salta l'uomo come pochi, ma quando arriva il momento di concretizzare non vede la porta: per lui solo 2 gol messi a segno fin qui. Caicedo è abile nel giocare per la squadra e creare situazioni di potenziale pericolo per i compagni, ma tira poco e storicamente non è mai stato un attaccante da doppia cifra. Adekanye per il momento si è visto poco o nulla. È ancora presto per giudicarlo, ma ora come ora difficilmente potrà rivelarsi utile alla causa. 

Ché la buona sorte preservi Immobile, verrebbe da dire. Numeri alla mano, senza di lui la Lazio è persa. Ma se l'obiettivo più volte dichiarato è quello di raggiungere la tanto agognata Champions League, allora c'è bisogno di tutti. In poche parole: non importa chi fa gol, l'importante è che lo si faccia. 

Lazio, le ultime da Formello in vista dell'Inter 

Supercoppa italiana: smentita della Lega su luogo e data 

Clicca qui per tornare all'homepage del sito