FOCUS - Un matrimonio da fiaba, Inzaghi e la sua Gaia al fatidico 'sì': trionfa il romanticismo

Pubblicato il 02/06/2018 alle ore 10:00
03.06.2018 07:28 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
FOCUS - Un matrimonio da fiaba, Inzaghi e la sua Gaia al fatidico 'sì': trionfa il romanticismo

Il 2 giugno del 1858 l’astronomo Giovanni Battista Donati notò una nube luminosa nel cielo notturno che sovrastava la Toscana. Si trovava per l’esattezza a Firenze quando capì che ciò che stava osservando era in realtà una cometa, che da quel giorno, non a caso, prese il suo nome. A 160 anni dalla sua comparsa la Donati è pronta ad apparire di nuovo nel cielo toscano. Non lo preannuncia la scienza, è Dante farlo. “L’amor che move il Sole e l’altre stelle” sa trascinare con sé anche una cometa. E a guardare la sua scia questa volta non sarà uno scienziato, ma due promessi sposi con lo sguardo rivolto verso il cielo di Siena nel giorno del loro matrimonio. Perché anche la più ferrea delle leggi astronomiche non può opporsi al lieto fine di una fiaba. Sono anni ormai che Simone Inzaghi e Gaia Lucariello ne scrivono la trama.

UNA STORIA SCRITTA A SEI MANI – Quando ci sono di mezzo le emozioni è facile perdere il filo del racconto. Gaia e Simone hanno voluto scongiurare il rischio. Per scrivere la trama di un matrimonio fiabesco si sono affidati alle mani di Silvia Slitti. La wedding planner scelta dai promessi sposi è la moglie di Giampaolo Pazzini. Da grande professionista del settore non ha voluto anticipare nulla sull’evento che, a detta sua, sarà il trionfo del romanticismo.

UN CAVALIERE – Questa volta un fischietto al collo non gli permetterà di avere il controllo della situazione. Anche i consigli di Farris potrebbero non bastare. Simone Inzaghi si prepara a fare i conti con un altro tipo di tensione. Non c’entra niente la sua Lazio, il campionato è finito ormai da due settimane. In questo sabato 2 giugno l’Inzaghi allenatore lascia il posto allo sposo. Cambia lo scenario, si invertono i ruoli. Oggi Gaia non sarà sugli spalti ad attendere la fine della partita. Sarà il mister a dover aspettare la sposa all'altare e a pazientare durante il  suo caratteristico ritardo. È tempo di mettere da parte scarpini, scarpe da ginnastica, tute, divise e cappellini. C’è uno smoking che aspetta solamente di essere indossato. I dettagli sull’abito, come vuole la tradizione, non sono stati svelati. Ma di dubbi non ce ne sono, in uno dei giorni più importanti della sua vita il mister biancoceleste sfoggerà la stessa eleganza che ha mostrato finora in Serie A.

LA SUA DAMA Gaia Lucariello è pronta a stupire. Il 14 marzo scorso è iniziata la sua avventura alla ricerca dell’abito perfetto. Si è affidata all’atelier Emé e su Instagram ha postato una foto che la ritrae intenta a osservare con occhi sognanti alcuni modelli presenti in negozio. A sirena, principesco, di pizzo, con lo strascico o senza strascico. Le alternative sono più o meni infinite. Gaia ama la moda e probabilmente opterà per un abito ricercato e non scontato. Per smorzare la tensione in vista delle nozze l’imprenditrice romana si è concessa un addio al nubilato di tutto relax. Qualche giorno fa in compagnia delle sue amiche è partita alla volta dell’isola di Ibizia. Insieme a lei c’era anche Alessia Marcuzzi, compagna di avventure della Lucariello ed ex di Inzaghi. Con un sorriso e tanta felicità negli occhi Gaia è entrata nel vivo della fase ‘bride to be’.

IL CASTELLO – La 'location' del matrimonio sembra veramente incantevole. Gaia e Simone hanno scelto uno splendido angolo di paradiso immerso nelle valli toscane. Il romantico scenario delle nozze sarà il Castello Banfi di Montalcino, in provincia di Siena. Tre sale, tre cortili, una terrazza e una taverna: l’antica fortezza medievale è circondata da vigneti e uliveti. La struttura è pronta a sbalordire chi avrà la fortuna di partecipare all’evento, dai familiari agli amici degli sposi, passando, ovviamente, per i rappresentanti della società biancoceleste.

PRODI ACCOMPAGNATORI – Sull’altare Gaia e Simone saranno affiancati da Pippo Inzaghi e Alessia Marcuzzi, i loro testimoni di nozze. D’altronde, si sa, quella del tecnico biancoceleste è una famiglia allargata. Il mister è rimasto in ottimi rapporti con l’ex compagna, la conduttrice tv è costantemente presente nella vita degli sposi. C’è ai pranzi e alle cene di famiglia e tutti insieme trascorrono spesso le vacanze insieme. Inzaghi ha scelto di avere vicino a sé il fratello, il legame tra i due è indissolubile. Ognuno dei due ha da sempre potuto contare sull’appoggio dell’altro. Simone è il tifoso numero uno di Pippo e viceversa. E oggi il posto dell’ex campione rossonero è lì, al fianco del fratello minore. Da scoprire i ruoli che Tommaso e Lorenzo Inzaghi avranno nella cerimonia.

UN LIETO INIZIO – Con il fatidico ‘sì’ la fiaba avrà veramente inizio. In quel momento i due sposi guarderanno al cielo e lì vedranno le due code della cometa Donati unirsi di nuovo a formare uno dei più luminosi corpi (bianco) celesti che gli occhi umani abbiano mai visto.