Primavera, Sanderra: “Il gruppo si è compattato. Non guardiamo la classifica”

12.11.2022 13:00 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Primavera, Sanderra: “Il gruppo si è compattato. Non guardiamo la classifica”

Al termine della vittoria per 3-1 sul Crotone al Fersini di Formello, l'allenatore biancoceleste Stefano Sanderra è intervenuto ai microfoni dei giornalisti presenti: 

"A Lecce abbiamo fatto una scelta. Non abbiamo messo molti titolari perché il viaggio era lungo e abbiamo deciso di tenerli qua. Oggi la partita era iniziata in svantaggio ma tenevamo comunque bene il campo, abbiamo avuto una buona reazione. Nel secondo tempo abbiamo amministrato. C’è tanto da lavorare, ma il risultato conforta. Abbiamo bisogno di conferme. Lo spogliatoio si è compattato, ci siamo guardati negli occhi. Promozione? Adesso è presto per guardare la classifica. L'inizio è stato difficile ma il campiamo è lungo. Vedremo i miglioramenti. Marinacci, Massil e Castigliani sono fuori rosa. È una scelta societaria e va rispettata".

Queste invece le dichiarazioni a Lazio Style Channel: 

“Stiamo effettuando un percorso di crescita, abbiamo dato continuità alla buona prestazione di Pisa. Prima ci capitava di non riuscire a dare continuità, è importante per la mentalità della squadra, che è stata brava a reagire dopo l’iniziale vantaggio, frutto di un errore individuale. Abbiamo tenuto bene la palla, siamo stati cinici, nella ripresa abbiamo gestito il risultato, forse potevamo alzarci di più.

Il gruppo non si è disunito, è rimasto compatto nel lavorare, abbiamo trovato il pareggio e completato la rimonta in poco tempo. Nelle partite scorse, c’era stato un po’ di scollamento dopo lo svantaggio. La mente è tutto in tante cose, nel calcio e nello sport è fondamentale: la squadra sta acquisendo sicurezze, questo conforta perché nelle difficoltà la squadra a lavorare come se non fosse in svantaggio.

Tutto il gruppo è importante, chi non gioca lo è ancora più di chi parte dall’inizio o subentra. Oggi abbiamo cambiato modulo, vuol dire che la squadra sta acquisendo i meccanismi e i principi corretti. C’è ancora tanto da lavorare, un mare: non è ancora la squadra che vorrei ma qualche germoglio iniziamo a vederlo. Abbiamo ampi margini di miglioramento, sia tatticamente sia tecnicamente così come a livello fisico. La Società è stata vicina alla squadra: quando è stato comunicato il ritorno al Fersini, la squadra ha esultato. Abbiamo sofferto tanto, subendo sconfitte umilianti: ciò però ha consentito ai ragazzi di ricompattarsi nello spogliatoio. L’approccio è migliorato.

Ora servirà la continuità: quello che hai fatto non conta nulla, serve sempre guardare al futuro. La sosta forse non arriva nel momento migliore ma sarà utile per recuperare alcuni elementi. I ragazzi guardano la classifica, si vive di questo. Noi andiamo al di là e ci focalizziamo sulla prestazione. I principali nemici siamo noi stessi, lavorare sugli errori ci aiuta a crescere.

Dobbiamo capire chi siamo: finora la squadra ha risposto bene, la mente farà la differenza, lavoreremo sull’approccio. Determinazione e grinta fanno sempre la differenza. Dobbiamo continuare ad avere fame per continuare a lavorare e crescere".