Calciomercato Lazio, Rugani per completare la difesa: i dettagli

Il centrale della Juventus piace a Sarri che lo vorrebbe per completare il pacchetto dei difensori. La Juve apre al prestito, ma servono cessioni.
24.07.2021 07:25 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Alessandro Zappulla-Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Calciomercato Lazio, Rugani per completare la difesa: i dettagli

Daniele Rugani è in orbita Lazio, piace a Sarri che l’ha svezzato a Empoli e l’ha richiesto come tassello per completare il reparto difensivo. Rugani è italiano, può essere utile anche per il discorso del completamento delle liste, è abituato a muoversi in una line a quattro e conosce perfettamente le richieste di Maurizio Sarri. È vero che il ragazzo era rimasto un po’ deluso dalla gestione del tecnico nei 12 mesi alla Juventus, aveva giocato poco, chiuso da Bonucci, Chiellini e de Ligt, ma la stima di Sarri per l’ex allievo rimane invariata. La Lazio sta cercando una sistemazione a Vavro, il giocatore vorrebbe tornare in Liga, in Spagna s’è trovato molto bene, è la sua priorità. Dovesse uscire lo slovacco, allora si andrebbe con forza su Rugani per completare il pacchetto dei centrali. Lo juventino sarebbe l’alternativa a Luiz Felipe sul centrodestra, con Radu a fare da scudiero ad Acerbi. La Lazio c’è, ha avuto contatti con l’entourage del giocatore, ma deve guardarsi dalla Fiorentina che nelle ultime ore ha alzato il pressing su Rugani. La Juventus apre al prestito, vorrebbe inserire nella trattativa l’obbligo di riscatto o quantomeno il diritto che può diventare obbligo a determinate condizioni, la valutazione si aggira intorno ai 7-8 milioni di euro. Il giocatore, ovviamente, a Roma verrebbe più che volentieri. Ma servono uscite, c’è bisogno di alleggerire l’organico e sbloccare l’indice di liquidità che al momento tiene in stand by il mercato biancoceleste. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Pubblicato il 23/07 alle 22.00