Lazio, ora la panchina è lunga: con le "riserve" si vola

11.02.2020 07:31 di Francesco Bizzarri Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Lazio, ora la panchina è lunga: con le "riserve" si vola

Per le finali che aspettano la Lazio c’è una panchina che finalmente si allunga. Giocatori ritrovati, giocatori tornati da qualche infortunio, giocatori che ora sentono la fiducia di tutto l’ambiente. Inzaghi sorride perché finalmente può far rifiatare i soliti noti con gente di qualità. Il primo, nemmeno a dirlo, è Felipe Caicedo. Otto gol stagionali, sempre pesantissimi, riduttivo chiamarlo riserva. Così come Marco Parolo, 35 anni, in forma come non mai, utile in più ruoli a centrocampo. Lo ha dimostrato contro il Parma, prendendo il posto di Milinkovic squalificato giocando una grande partita. E poi Patric, anche lui una rete, diventato utile in difesa e cresciuto molto. Così come Jony, che finalmente sta dimostrando tutte le qualità che avevano stregato il ds Igli Tare in estate. Per finire Marusic, pronto ad insidiare Lazzari sulla destra, a correre, a crossare fino all’ultimo minuto. Cinque riserve che sono titolari. La Lazio finalmente può contare su una rosa all’altezza degli obiettivi.