Lazio, all’Olimpico basta un guizzo di Pedro: Fiorentina ko

Biancocelesti che battono i viola e li superano in classifica. A decidere la sfida è ancora una volta l'attaccante spagnolo...
28.10.2021 07:30 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    vedi letture
Lazio, all’Olimpico basta un guizzo di Pedro: Fiorentina ko

La Lazio si mette alle spalle la debacle di Verona e supera la Fiorentina all’Olimpico. Alla squadra di Sarri basta il guizzo di Sarri in apertura di ripresa per conquistare i tre punti. Una prova di cuore delle aquile che finalmente chiudono la gara con la porta imbattuta e si rilanciano in classifica superando i toscani e la Juventus rimanendo in scia di Roma e Atalanta, prossima avversaria sabato pomeriggio.

FORMAZIONI - Sarri stupisce tutti e rilancia Luis Alberto dal primo minuto dopo tre esclusioni consecutive. Torna anche Lazzari, mentre Cataldi viene preferito a Lucas Leiva. Nella Fiorentina, italiano deve fronteggiare l’assenza di Nico Gonzalez che si aggiunge a quella di Dragowski. Callejon ritrova il maestro Sarri da avversario.

PRIMO TEMPO -  Inizio studiato dei due club e il primo affondo è viola con Sottil che, imbeccato da Vlahovic, cerca un cross basso che, complice la deviazione di Luiz Felipe, attraversa tutta l’area biancoceleste senza che nessuno possa intervenire. La risposta della Lazio non si fa attendere con Luis Alberto che serve in profondità Ciro Immobile, Il bomber prova un tiro cross che mette i brividi a Terracciano e finisce sul fondo. Immobile e compagni crescono con il passare dei minuti, ma non riescono a sfondare la difesa viola complice qualche errore di troppo negli ultimi 20 metri. I toscani si affacciano in avanti con un paio di colpi di testa di Vlahovic e Martinez Quarta. Al 24’ ripartenza degli ospiti e cross di Callejon per Castrovilli che commette fallo su Lazzari e si prende anche il primo giallo del match. Cresce la Fiorentina, cross di Venuti e Lazzari di petto sfiora l’autogol, palla che esce di poco. Dopo qualche minuto di torpore, la Lazio con la spinta del  pubblico torna a essere pericolosa con Lazzari e Pedro, ma la difesa ospite tiene. Proteste al 33’ per un contatto tra Terracciano e Milinkovic, ma Ayroldi punisce una precedente spinta di Sergej su Martinez Quarta. Pochi secondi dopo, Lazzari sfonda ancora a destra e crossa per Immobile che anticipa il portiere di testa senza inquadrare lo specchio. Ancora il terzino dei padroni di casa stavolta si mette in proprio, taglia verso il centro e calcia di sinistro trovando un attento Terracciano che mette in corner. Prima dell’intervallo Castrovilli rischia il rosso per un fallo di mano sotto la Tevere, ma la palla era già uscita.

SECONDO TEMPO - Inizia la ripresa senza cambi. Il primo squillo è della Fiorentina in un’azione con una serie di batti e ribatti che porta al tiro Torrierà dal limite con la palla che si perde sul fondo. A sbloccare il risultato è però la Lazio con una splendida azione palla a terra conclusa dal bolide di Pedro che si infila sotto l’incrocio dei pali. Italiano corre ai ripari e richiama Castrovilli per inserire Bonaventura. Viola che alzano il baricentro, ma che rischiano di capitolare sull’azione personale di Immobile: Ciro arriva sul fondo e mette al centro un pallone su cui nessun compagno crede e che la difesa ospite allontana in affanno. Italiano si affida ancora ai cambi con Saponara e Odriozola al posto di Callejon e Venuti. Sostituzione obbligata per la Lazio con Patric al posto dell’acciaccato Luiz Felipe che accusa un problema al flessore.   Italiano e Sarri continuano la girandola dei cambi che spezzetta ancora di più una partita che le aquile controllano senza particolari patemi d’animo. Quattro minuti di recupero e Terracciano in area per l’ultimo corner del match non cambiano il risultato.

Pubblicato il 27/10