Lazio, salta il duello Luis Alberto-Suso: il Milan nel destino del 'Mago'

Salta il duello tra Luis Alberto e Suso, visto lo stop dello spagnolo del Milan. Ottimi i suoi numeri in questo avvio di campionato, con il Milan si accende
03.11.2019 08:00 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Giorgia Mattei
© foto di www.imagephotoagency.it
Lazio, salta il duello Luis Alberto-Suso: il Milan nel destino del 'Mago'

In vista della sfida di questa sera tra Milan e Lazio, è saltato uno dei duelli più attesi, quello tutto andaluso tra Luis Alberto e Suso. Il rossonero, come anticipato, s’è fatto male nella rifinitura di ieri. Il ‘Mago’, invece, sarà al suo posto e, complice anche lo stop dell’altro spagnolo, è in pole per prendersi il posto in Nazionale. Luis ha ricevuto la preconvocazione, ma bisogna attendere la chiamata finale del ct Robert per festeggiare. Suso sperava di sfruttare il match di San Siro per riprendere quota, ma è stato obbligato a fermarsi. L’ex Siviglia, che già prima era in vantaggio, ha confermato la distanza dal concorrente ora che quest’ultimo è out.

NUMERI - Non c’è Suso che tenga. I numeri di Luis Alberto in avvio di campionato la dicono lunga sul momento di forma che sta vivendo. Solamente De Bruyne del City ha fornito più assist del Mago, a quota sei, nei cinque maggiori campionati europei. Il Milan, poi, evoca in lui dolci ricordi. Come riporta la rassegna stampa di Radiosei, infatti, l’esordio in biancoceleste è datato settembre 2016 ed avvenne proprio nel fortino rossonero. Per non parlare nel primo gol all’Olimpico, segnato nel 2017 sempre contro i ‘Diavoli’. Chi si lamentava del suo rendimento ‘ad altalena’, adesso deve ricredersi. Il centrocampista ha trovato, finalmente, continuità, ed i numeri lo testimoniano. Basti pensare che Luis si è reso protagonista di 35 dribbling, nove tiri nello specchio, 543 passaggi positivi effettuati, 48 lanci e 58 palle recuperate nelle prime dieci giornate di Serie A.

FUTURO - Luis è padrone del suo destino. Europei e Champions sono alla portata, ma il loro raggiungimento dipenderà da lui, dalle sue giocate, dalla sua classe e l’indubbio talento. Dietro l’angolo, poi, c’è un nuovo contratto con la Lazio. La società avrebbe voluto chiudere il rinnovo insieme a quelli di Correa e Caicedo, ma lo spagnolo ha rinviato tutto a fine anno, quando verrà anche giudicata la sua prova nel corso della stagione. Se avrà fatto una grande annata, si discuterà un accordo più lungo e più ricco, altrimenti si valuterà il da farsi. Al campo l’ardua sentenza.

Lazio, Immobile e la teoria dei corsi e ricorsi storici: a Milano sui passi di Piola...

Lazio, Milinkovic suona la carica: “Vincere è l’unica opzione!” - FOTO

TORNA ALLA HOMEPAGE