Cagliari - Lazio, Lazzari: "Mi aspetto molti gol. Milinkovic e l'inno alla bellezza..."

La redazione de Lalaziosiamonoi.it ha intervistato in esclusiva l'ex centrocampista del Cagliari Andrea Lazzari in vista della sfida tra i sardi e la Lazio
16.12.2019 09:00 di Alessandro Vittori Twitter:    Vedi letture
Fonte: Alessandro Vittori - Lalaziosiamonoi.it
Cagliari - Lazio, Lazzari: "Mi aspetto molti gol. Milinkovic e l'inno alla bellezza..."

Cagliari - Lazio di domani chiuderà la giornata di campionato. I biancocelesti alla Sardegna Arena saluteranno la Serie A per quanto riguarda il 2019, per poi concentrarsi sulla finale di Supercoppa Italiana del 22 dicembre. In vista della partita contro i sardi la redazione de Lalaziosiamonoi.it ha contattato in esclusiva l'ex centrocampista rossoblù Andrea Lazzari: "Quella di lunedì sarà una bella partita visto lo stato si forma di entrambe le squadre".

Lazio da scudetto e Cagliari da Champions League. Provocazione o verità?

"Secondo me è una provocazione. Il Cagliari sta però lottando per la zona alta della classifica, bisogna vedere se riesce a mantenere questo rendimento per tutta la stagione. Credo che abbia più possibilità il Cagliari di ambire a un posto per la Champions League piuttosto che la Lazio di vincere lo scudetto, per il semplice fatto che vedo squadre come Juventus e Inter un po’ più avanti rispetto ai biancocelesti"

La sconfitta a Rennes può lasciare qualche strascico nella Lazio?

"Magari può lasciare qualche strascico, anche se il passaggio del turno era già abbastanza compromesso, quindi potrebbe anche non avere riscontri a livello mentale sui giocatori. Credo che Inzaghi sia bravo a far dimenticare le sconfitte, ma soprattutto anche le vittorie. Si vede infatti che la Lazio non si accontenta mai".

La vittoria contro la Juventus è il passo verso la maturazione definitiva?

"È palese la maturazione dei giocatori della Lazio, soprattutto da quando c’è Inzaghi alla guida. Penso soprattutto a Luis Alberto che sta disputando delle partite con prestazioni di un livello ottimo. In generale tutti i giocatori della Lazio hanno preso consapevolezza delle proprie doti e che possono far bene togliendosi delle grandi soddisfazioni, come battere la Juventus in casa"

Luis Alberto miglior assist-man d'Europa

"Come detto prima, Luis Alberto ha preso consapevolezza del grande talento che ha. Si vede la crescita dello spagnolo soprattutto a livello mentale. Vuole essere un po’ più utile alla squadra, per non fare la giocata fine a se stessa ma cercare il colpo per arrivare all’obiettivo"

Nainggolan meriterebbe una big secondo lei?

"Nainggolan sicuramente poteva rimanere in grandi palcoscenici. Purtroppo è dovuto tornare nella sua Cagliari e si sta esprimendo a grandi livelli, come quando stava a Roma o quando agli inizi era a Cagliari. Sicuramente può ambire a tornare in grandi squadre anche se il Cagliari lo sta diventando. Non é detto quindi che potrà  scegliere di rimanere a lungo"

Il centrocampo è il segreto della Lazio?

"Le partite spesso si decidono in mezzo al campo. La Lazio ha due grandissime mezzali. Il gol di Milinkovic contro la Juventus è un inno alla bellezza del calcio. Leiva poi prende bene i tempi. La Lazio ha decisamente un bell’assortimento in mezzo al campo".

Un pronostico sulla partita di lunedì?

"Mi aspetto una partita con molti gol. Magari un pareggio con un 3-3 sarebbe bello. Ma potrebbe succedere di tutto"

Lazzari oggi? Che ricordi conserva delle sue esperienze?

"Io adesso sto valutando diverse situazioni. Sono andato in prova in diverse squadre e sto valutando cosa fare. A breve si saprà. Ricordo tutto con piacere. Un bel ricordo è sicuramente a Cagliari, con tutti i miei compagni di allora e dove arrivò la mia prima chiamata in Nazionale. A Firenze pensavo di far meglio ma purtroppo non ci sono riuscito. Eravamo partiti per lottare per l’Europa League ma ci siamo ritrovati per lottare per non retrocedere. Però anche li ho imparato molto".

Nel corso della sua carriera ha mai avuto una chiamata da parte della Lazio?

"Quando ero nell’Atalanta con Delio Rossi, che poi venne ad allenare la Lazio, ci fu qualcosa ma nulla che poi si concretizzò".

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge. 

CALCIOMERCATO LAZIO, L'ESCLUSIVA CON L'AG. DI KIYINE

CAGLIARI - LAZIO, LA NOSTRA ESCLUSIVA CON ACQUAFRESCA

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME PAGE