Lazio, Bianchessi: "Contento per la convocazione dei Primavera. Sulla Lazio Women dico..."

Il direttore responsabile della Lazio Women e del settore giovanile biancoceleste è intervenuto alla radio ufficiale per fare il punto sui vari progetti
28.10.2020 18:45 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Tommaso Marsili
Lazio, Bianchessi: "Contento per la convocazione dei Primavera. Sulla Lazio Women dico..."

Sia il settore giovanile della Lazio, che la squadra femminile, stanno dando buone risposte. Questo è merito principalmente del duro lavoro di Mauro Bianchessi. Il direttore sportivo è intervenuto a Lazio Style Radio per fare il punto sui vari progetti: "Il campionato della Lazio Women è abbastanza buono. Forse abbiamo subito troppi gol, soprattutto nel finale che ci ha fatto perdere qualche punto in classifica. Bene ma bisogna darsi una svegliata, bisogna essere concentrati e avere una mentalità vincente. L'obiettivo è quello di portare la Lazio per la prima volta in Serie A. 23 gol fatti sono tanti, ma bisogna anche non subirne. La mancanza di concentrazione non ci deve essere. L'allenatore mi ha detto che ci sarà un cambio di modulo per essere più tranquilli (la difesa passerà a 4). A noi non ci regala niente nessuno, serve lucidità. Contro il Pomigliano sarà difficile, non mi esprimo perché sono scaramantico. Siamo lì e il campionato è lungo. Stiamo diventando una squadra di livello alto, per questo serve la fame e la mentalità, non solo le giocatrici forti. Abbiamo le qualità e le capacità per recuperare, dobbiamo svegliarci". 

SETTORE GIOVANILE - "I ragazzi che si sono uniti alla prima squadra questa sera sono con noi da 3 anni. Franco è un difensore centrale moderno, che fa gol, molto intelligente. Pica ha sempre lottato per emergere, nonostante il brutto infortunio di due anni fa. Non ha mai mollato. Bertini è il geometra, mediano moderno, anche lui molto bravo nelle punizioni. Tutti giocano in Primavera. Il settore giovanile serve a questo: far crescere i giovani per poi portarli in prima squadra".

SOSPENSIONE - "La sospensione dell'agonistica dall'U15 all'U18 a livello nazionale è una scelta giusta. Così non saremmo potuti andare avanti a giocare, perché ogni settimana c'era una squadra con qualche positivo. Il problema deriva dai contatti che hanno i ragazzi (a scuola e sui mezzi pubblici). Nell'arco di un mese dovremmo riuscire ad abbassare, se non azzerare i contagi. Dal 24 novembre potremmo ripartire, sperando che il virus non ci attanagli ancora. Ho condiviso questa scelta. Per quanto riguarda l'attività di base, ieri sera è arrivata la circolare. Poco fa mi è arrivata la comunicazione da parte del Presidente del Consiglio che ha specificato che ci si può allenare a distanza. Non condivido nella totalità la scelta del Ministero dell'Interno, ma ci adeguiamo. Penso ci sia un po' di confusione. Capisco il momento, ma prima di fare un Decreto e dare delle disposizioni, bisognerebbe fare chiarezza. Hanno cambiato idea in 24 ore. Serve rispetto per chi fatica a mandare avanti il tutto".

LE STRUTTURE - "Il progetto sta volgendo al termine. Il presidente nel 2017 mi aveva fatto delle promesse che sono state rispettate. Lavoriamo sia al Green Club che a Formello, con campi, infermerie, spogliatoi, palestra e da lunedì ci sarà la sala polivalente per i meeting e visionare i video. Il livello è veramente alto. Speriamo di avere la possibilità di riprendere l'attività a pieno regime e di portarla a termine. Le partite finora giocate contano poco a livello di risultati, dato che gli avversari erano rimaneggiati. Vogliamo riprendere con il sorriso, potendoci abbracciare. Abbiamo perso già tanto tempo, speriamo bene".