Calciomercato Lazio, dall'Inghilterra: "Andreas Pereira resta un'opzione, ma..."

Andreas Pereira resta un opzione in orbita Lazio, sul brasiliano c'è l'interesse anche del Fenerbahce. A Sarri piace molto e i tifosi sognano il ritorno
02.08.2021 07:34 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Edoardo Pinna - Lalaziosiamonoi
Calciomercato Lazio, dall'Inghilterra: "Andreas Pereira resta un'opzione, ma..."

CALCIOMERCATO LAZIO - Andreas Pereira ha fatto ritorno al Manchester United, dopo una parentesi in prestito di un anno alla Lazio. Il brasiliano ha vissuto una stagione tra luci e ombre e non è escluso la possibilità  di una nuova esperienza alla corte biancoceleste. A Roma e alla Lazio si è trovato benissimo e lo ha ripetuto anche recentemente in un'intervista. L'ex numero 7 ha sempre mostrato grande attaccamento alla maglia, alla città ma soprattutto un grande affetto nei confronti della tifoseria laziale. Mercoledì ha segnato un gol clamoroso con tiro al volo da fuori area, nel 2-2 in amichevole contro il Brentford. A Sarri il brasiliano piace molto, lo ritiene molto duttile e adatto per il suo stile di gioco. Come riporta  ESPN, il classe ’96 potrebbe tornare in prestito alla Lazio. L’attaccante però vorrebbe un trasferimento a titolo definitivo e sulle sue tracce ci sarebbe anche il Fenerbahce. La Lazio al momento ha qualche problema di affollamento e di mancate cessioni che hanno un po' bloccato il calciomercato. Nelle prossime settimane, però, non è escluso che la trattativa possa riprendere. Andreas Pereira tornerebbe volentieri all'ombra del Colosseo, magari con la formula del prestito con diritto/obbligo di riscatto. Potrebbe essere un'alternativa importante visto che conosce ambiente e, cosa da non sottovalutare, lo spogliatoio.  I tifosi, dal canto loro, hanno sempre avuto un ottimo feeling con il ragazzo di Duffel e sperano che possa tornare a indossare la maglia con l'aquila sul petto.

Scritto il 1/8/2021

CLICCA QUI per tornare in HOME PAGE

Andreas Pereira, si lavora per il ritorno

Sarri e il confronto con Correa\